Social World Film Festival 10, la madrina è Gaia Girace

Emozioni il tema del Social World Film Festival 10 di quest’anno che si terrà come sempre a Vico Equense (Napoli) dal 6 al 10 ottobre, un’edizione speciale quella del decennale della Mostra Internazionale del Cinema Sociale alla quale non si è voluti, coraggiosamente, rinunciare nonostante la situazione Covid, dice il direttore Giuseppe Alessio Nuzzo, per contribuire a “salvare il rapporto tra pubblico e cinema”, e quindi le emozioni, appunto, che il cinema regala. Quale locandina migliore dunque di quella che riporta l’abbraccio, gesto d’affetto e accoglienza che tanto ci manca in questo periodo, tra Greta Garbo e John Barrymore in una scena di Grand Hotel… E quale anteprima migliore, il 5 ottobre, se non con l’inaugurazione della mostra fotografica Federico Fellini, 100 anni del genio del cinema italiano in collaborazione con il Centro Sperimentale di Fotografia, 39 scatti per la prima volta in Campania a raccontare per immagini il dietro le quinte dei capolavori del regista riminese, da La Dolce Vita a 8 e mezzo, da Giulietta degli Spiriti a Casanova, da Lo Sceicco bianco a La voce della Luna, le cui musiche saranno trasmesse in filodiffusione per tutta la città. Mentre le vetrine delle attività commerciali del centro ospiteranno le foto degli ospiti delle scorse edizioni del Festival, dal presidente onorario Claudia Cardinale a Giancarlo Giannini, Ornella Muti, Luis Bacalov, Michele Placido, Stefania Sandrelli, Katherine Kelly Lang, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta, Stefano Accorsi, Abel Ferrara e Itziar Ituno.

Madrina del Social World Film Festival 10, che stringe ancora di più il connubio tra cinema e serialità televisiva, è Gaia Girace, la giovane attrice nata proprio a Vico Equense, nota e apprezzata dal pubblico televisivo per la sua toccante interpretazione di Lila adulta ne L’amica geniale di Saverio Costanzo. Di questo in particolare abbiamo chiesto a Giuseppe Alessio Nuzzo nel corso della conferenza stampa via Zoom, come potete vedere dal video a fine articolo (ci scusiamo della scarsa qualità della riproduzione per un inconveniente tecnico non dipendente né da noi, nè tanto meno dall’organizzazione del Festival e della suddetta conferenza stampa).

Non mancheranno quindi film e ospiti, proiezioni, mostre, incontri, eventi dedicati al cinema, tutto ovviamente gestito in modo da rispettare le disposizioni per la sicurezza e la salvaguardia della salute di tutti, in una formula quindi tutta nuova che coniuga presenza e online. 450 le opere tra lungometraggi, documentari, cortometraggi e prodotti audiovisivi, 20 in anteprima assoluta o europea provenienti da 46 paesi dei 5 continenti, suddivisi in 19 sezioni. Con l’aggiunta di una nuova sezione dedicata alle opere a tema Covid e girate durante il lockdown. Il Social World Film Festival 10 apre con L’immortale di Marco D’Amore nella Sala Bertolucci del Castello Giusso per la sezione Grande Schermo con la partecipazione del piccolo protagonista Giuseppe Aiello. In programma anche 18 regali di Francesco Amato, Il Sindaco del Rione Sanità di Mario Martone, Spaccapietre di Gianluca e Massimiliano De Serio, La partita di Francesco Carnesecchi. La cerimonia di premiazione si svolgerà l’11 ottobre e sarà presentata, come sempre, da Roberta Scardola assieme a Claudio Dominech, con un’apertura omaggio a Ennio Morricone a cura dell’Associazione Santa Cecilia.

Non mancherà neanche il red carpet allestito al Castello Giusso dove sfileranno i tantissimi ospiti: Thomas Arana (Il Gladiatore, The Bodyguard, L’ultima tentazione di Cristo) che riceve il premio alla carriera e terrà una masterclass di recitazione; Cristina Donadio, Nancy Brilli, Peppino Mazzotta, il Pinocchio di Garrone Federico Ielapi, la Lila de L’amica geniale da piccola Ludovica Nasti, che per la sua interpretazione ha vinto il Globo d’Oro 2019 come Giovane Promessa.E ancora Maria Isabel Diaz Lago e Marta Aledo (Vis a Vis), Jorge Lopez e Alvaro Rico (Elite), Ana Fernandez Garcia (Le ragazze del centralino), Lucas Lynggaard Tonnsen (The Rain), Luka Peros (La casa di carta), Annabel Scholey (I Medici) e direttamente dal Trono di Spade Tom Wlaschiha, Pilou Asbeak e Iwan Rehon. In collegamento ci saranno invece il direttore della fotografia Vittorio Storaro e il regista Mario Martone cui vanno i Golden Spike Award alla carriera.

Grande novità di quest’anno, una piattaforma all’indirizzo www.socialfestival.com/live che consentirà di fruire delle opere in concorso a chi vorrà seguire il Social World Film Festival 10 da casa e ai tanti giovani che parteciperanno alle giurie. Non mancheranno le dirette quotidiane sui social network, quattro appuntamenti al giorno quest’anno anche in VR 360° 3D grazie alla collaborazione con The Virtual Reality Production. Torna per il quinto anno consecutivo anche il Mercato europeo del cinema giovane, Young Film Market, che darà spazio e forma ad opere indipendenti di giovani autori. Ed ecco il nostro videoincontro via Zoom con Giuseppe Alessio Nuzzo cui abbiamo chiesto qualcosa in più sulla madrina della keremesse: