Tulipani di seta nera: vince Marco Renda e c’è anche Whoopi Goldberg

Va ad Apollo 18 di Marco Renda il Premio per il Miglior Cortometraggio della 13esima edizione di Tulipani di Seta Nera, il Festival Internazionale del Film Corto artisticamente diretto da Paola Tassone dedicato alla diversità che quest’anno, per ovvie ragioni, ha visto un’edizione particolare, ripensata e ricreata nel rispetto delle regole anticontagio da Covid-19, quindi molto online e poco live. Comunque intensa ed emozionante la cerimonia di premiazione condotta ieri sera da Beppe Convertini e Pino Insegno, da stasera tutta disponibile in esclusiva su Rai Cinema Channel e RaiPlay, media partner della manifestazione. Una serata ricca di ospiti tra cui ha spiccato niente meno che Whoopi Goldberg in collegamento video dalla sua casa di New York, donna e artista da sempre grande sostenitrice di opere legate alla diversità, cui Tulipani di Seta Nera ha conferito l’International Sorriso Diverso Award:il cinema è un viaggio reciproco di conoscenza, che può portare a un cambiamento” ha detto l’attrice americana che ha parlato anche delle proteste in atto in questi giorni nel suo paese, e non solo, contro le violenze razziste, sottolienando come “l’unica cosa bella di tutto questo è lo sguardo del mondo su di noi, sulla nostra battaglia“.

Tanti dicevamo gli ospiti dal mondo dello spettacolo e della cultura, tutti dotati di una grande sensibilità sociale. Come Giorgio Tirabassi cui è andato il premio Sorriso Diverso Miglior opera prima per il suo esordio alla regia con Il grande salto insieme a Bruno Frustaci che ha prodotto il film con la sua Sunshine Production, a cui è andato il riconoscimento Testimonial Sorriso Diverso; Paola Minaccioni che si è aggiudicata il premio Sorriso Diverso Miglior attrice per la sua interpretazione nell’adattamento teatrale di Mine Vaganti di Ferzan Özpetek. In collegamento anche il regista e sceneggiatore Gabriele Salvatores, che è stato premiato con il Sorriso Diverso Miglior Regista per il suo film Tutto il mio folle amore.

A seguire il videosaluto di Elena Sofia Ricci, affezionata della manifestazione e premiata nella scorsa edizione di Tulipani di Seta Nera, e la consegna di tre Premi Speciali: all’Associazione Italiana Cultura Sport per il concorso #Andràtuttobene, a Ivan Cottini, il ballerino malato di sclerosi multipla che ha incantato il palco del Festival di Sanremo, e al videoclip per la sicurezza stradale Prendi la mia mano di Carlo Belmondo, accompagnati dal messaggio del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Per la sezione Documentari ha vinto Pucundrìa di Erica De Lisio cui hanno consegnato il premio Mimmo Calopresti e la Presidente di giuria Flavia Perina, mentre il Miglior #SocialClip consegnato da Grazia Di Michele e dal discografico Elio Cipri, è andato a Mandela di Ivan Cazzola, brano cantato da Margherita Vicario. Il premio Sorriso Diverso di VariEtà, assegnato dalla Giuria di VariEtà, composta da persone provenienti dal mondo dello spettacolo e da rappresentati con spiccato interesse verso l’universo del sociale e del terzo settore e presieduta da Cristina Priarone, è stato consegnato dalla stessa presidente a Questo è lavoro di Federico Caponera.

Ad aggiudicarsi il Premio Rai Cinema Channel consegnato da Paolo Del Brocco (amministratore delegato Rai Cinema) e Carlo Rodomonti (responsabile di Rai Cinema Channel), è stato il corto Essere diversi di Francesco Musto, 2 milioni e mezzo di visualizzazioni sul sito www.tulipanidisetanera.rai.it, mentre Roller Coaster di Manuela Jael Procaccia  ha vinto il Premio Sorriso Nascente OPERA PRIMA, consegnato da Carlo Brancaleoni (Rai Cinema), Vicepresidente della giuria dei corti, alla protagonista Eliana Miglio.