Torna il MIA Mercato Internazionale Audiovisivo, dove l’idea può diventare un film

C’è un luogo e un tempo dove l’idea può diventare una storia da raccontare sul piccolo o sul grande schermo, dove le possibilità si trasformano in opportunità e dove la creatività incontra il reale sostegno affinché venga riconosciuta e apprezzata, e magari un sogno trova i giusti mezzi per realizzarsi. Torna l’appuntamento con il MIA Mercato Internazionale Audiovisivo, con oltre 125 proiezioni tra film, serie TV e documentari del presente e… del futuro. La quinta edizione si terrà a Roma dal 16 al 20 ottobre 2019 tra Palazzo Barberini, il Cinema Barberini e il Cinema Quattro Fontane, a presentare come ogni anno progetti di prodotti audiovisivi da tutto il mondo, divisi per sezioni, la metà dei quali verrà realizzata.

La sezione MIAFilm riproporrà What’s Next Italy, un programma speciale dedicato ai work-in-progress italiani (film in lavorazione o in post-produzione), dove i compratori internazionali potranno avere un assaggio dei titoli del 2020, sia di autori affermati sia degli emergenti. Ogni film viene presentato con una clip (una scena, storyboard, degli estratti di girato) e un’intervista al regista e al sales agent. Proprio come è stato nelle precedenti edizioni per Bangla di Phaim Bhuiyan, Freaks Out di Gabriele Mainetti, Il primo giorno della mia vita di Paolo Genovese, Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores, Ammore e Malavita dei fratelli Manetti, Il Padre d’Italia di Fabio Mollo (Globi d’oro 2017, premio come miglior attrice a Isabella Aragonese). La sezione C EU Soon vede invece un approfondimento sui talenti europei emergenti, con una selezione di sei opere prime e seconde in post produzione, tra i titoli più promettenti del 2020. GREENLIT, la sessione-evento del MIA|DRAMA (già MIA|TV) dedicata alle grandi co-produzioni italiane ancora inedite per il mercato, costituisce una vetrina d’eccellenza per le serie drama con un forte potenziale all’estero, dove i produttori italiani presentano i titoli più attesi accompagnati dai talent (creatori/registi/attori) e dai loro commissioner, e mostrando le prime immagini dei nuovi show a una platea internazionale. A questa sezione sono appartenuti ad esempio L’amica geniale di Saverio Costanzo, Gheddafi di Roberto Saviano, la serie thriller Diavoli con Alessandro Borghi e Patrick Dempsey e Il Nome della Rosa, serie evento tratta dal romanzo di Umberto Eco. Infine MIA|DOC dedica l’evento ITALIANS DOC IT BETTER ai documentari italiani di maggior successo dell’ultimo anno e presentati in uno showcase esclusivo con l’obiettivo di promuovere il valore dell’industria DOC italiana e la sua creazione di contenuti originali.

Quattro giornate dunque di MIA Mercato Internazionale Audiovisivo tutte dedicate alle principali attività di pitching, showcase, panel e screening, al fine di far incontrare, per così dire, la domanda con l’offerta, ovvero i maggiori operatori del settore e i possibili partner globali, e per vedere in anteprima, vendere e acquistare i contenuti in arrivo. MIA Mercato Internazionale Audiovisivo è anche punto di incontro per discutere e individuare le nuove tendenze del mercato e del gusto, i modelli e le opportunità per l’intera filiera dell’audiovisivo. Il MIA è diretto da Lucia Milazzotto e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con Ice, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lazio, e dal programma Media. Tra i partner la Fondazione Cinema per Roma e il Fondo Eurimages del Consiglio d’Europa. Per i dettagli www.miamarket.it