The Cerebros e la nuova clip sul Coronavirus

L’ironia al tempo del Coronavirus. Dopo il successo di Covmorra, parodia clip sull’amuchina, i The Cerebros tornano sul web con Papà, voglio tornare a casa, con la partecipazione straordinaria di Stefano Ambrogi (Gallo Cedrone, Notte prima degli esami oggi, Lo chiamavano Jeeg Robot, La Partita), e la musica di Marco Rò, nuova clip dedicata a tutti i ragazzi che, bloccati dalle disposizioni anti Covidd-19 lontano da casa e dalla famiglia, sono tentati di farvi ritorno mettendo a rischio la propria saluta e quella degli altri. In un esilarante dialogo telefonico, il padre (Stefano Ambrogi) dice chiaro e tondo al figlio (Berardino Iacovone, attore e creator dei The Cerebros) che nonostante la nostalgia e l’amore reciproco, per il momento è meglio che ognuno resti a casa propria, lanciando sul finale un significativo e inaspettato monito al buon senso e alla civiltà di tutti noi: “se volemo più bene se stamo lontani”. Per chi ancora non li conoscesse, The Cerebros sono quattro professionisti della comunicazione e dell’intrattenimento riuniti in una Social Factory, un collettivo se preferite, e cioè Berardino Iacovone (attore, autore e web creator), Max Poli (conduttore di Radio Kiss Kiss e direttore di Art News Roma), Gianmarco Esposito (speaker Radio KissKiss) e Noè Massimiliano Mele (speaker e editore). I loro video sui social hanno generato, dal 2017 ad oggi, oltre 50 milioni di visualizzazioni. Ecco Papà, voglio tornare a casa: