Mare Fuori 2: videointerviste a Carolina Crescentini e Valentina Romani

Tutti pronti a rientrare nell’Istituto di detenzione minorile di Napoli per scoprire come andranno a finire le storie di Filippo, Carmine, Naditza e quelle di tutti gli altri ragazzi che abbiamo imparato a conoscere e ad amare. Arriva mercoledì 17 novembre su Rai 2 Mare Fuori 2, nuova stagione della serie diretta da Milena Cocozza e Ivan Silvestrini amatissima dal pubblico, soprattutto quello più giovane, che parla sì di errori, di sbarre alle finestre e di camorra, ma anche d’ amore, di amicizia e di speranza. Anche se sin dai primi episodi ci accorgeremo che stavolta la camorra colpisce più duro a mostrare tutto il suo potere e la sua malvagità.

Stavolta tutti i giovani ospiti dell’IPM si confronteranno di più con le loro rispettive famiglie, quelle di origine e quelle nuove che, nonostante tutto, cercano comunque di costruirsi. E dovranno anche venire a patto con le loro responsabilità. Carmine (Massimiliano Caiazzo) ad esempio, che abbiamo lasciato in ospedale tra la vita e la morte, la sua famiglia non la vuole, ma vuole sposare la sua ragazza Nina che gli ha appena dato un figlio. Così come Filippo (Nicolas Maupas che vediamo anche su Rai 1 in Un Professore) prova a portare via con sé la sua Naditza (Valentina Romani che abbiamo visto e vedremo anche in Carla), una giovane zingara che con il suo carattere solare, schietto ed esplosivo lo ha completamente conquistato.

Ritroviamo naturalmente anche le loro guide, coloro che sono chiamati a cambiarli, redimerli, reinserirli nel mondo: la direttrice dell’Istituto Paola Vinci che, ormai più in sintonia con alcuni di loro, che scopriamo più forte e determinata di prima a fare in modo che questo accada, cercando anche di sostenere il comandante di polizia penitenziaria Massimo Esposito, particolarmente affezionato a Carmine, che invece sembra voler gettare la spugna, personaggi chiave della serie rispettivamente interpretati da Carolina Crescentini (anche al cinema in Per tutta la vita) e Carmine Recano.

Perché dopo la morte di Ciro, il capo, per così dire, dei detenuti, quell’ordine, sia pure fragile e precario, viene meno del tutto e non sempre Edoardo (Matteo Paolillo), autoproclamatosi suo erede, riesce a ristabilire un equilibrio. Oltre ai ragazzi ai quali ci siamo affezionati tutti, Mare Fuori 2 ne accoglie degli altri. E allora conosceremo Sasà o’ deja vù (Filippo Soave), un ragazzo di sedici anni, timido, impacciato, introverso, con una madre ingombrante e un reato sulle spalle molto pesante;  Mimmo (Alessandro Orrei) che viene da una famiglia umile, distante dal sistema, ma vuole scalare il più in fretta possibile le gerarchie del clan in cui è entrato, anche a costo di tradirlo; Kubra (Kyshan Clare Wilson), la preferita di Carolina Crescentini, ragazza nera di origini africane cresciuta in Italia in un quartiere periferico di Roma dal carattere fiero e ribelle che la porterà a scontrarsi facilmente con i ragazzi e il personale dell’IPM; e Rosa Riccio (Maria Esposito), la sorella quindicenne di Ciro che entra nell’IPM con il preciso scopo di uccidere Carmine per vendicare la morte di suo fratello.

Ne abbiamo parlato con due protgoniste di Mare Fuori 2, ecco le nostre videointerviste a Carolina Crescentini e Valentina Romani: