Linea D’Ombra, Alice nella Città e Asylum Fantastic Fest: the show must go on

Le nostre caselle mail cominciano a riempirsi di messaggi che iniziano con “annullato…“. Annullato il concerto di, annullata l’attività stampa del, annullata la proiezione di, rinviata e annullata l’uscita di… Un déjà vù triste e inquietante, illuminato però da altri messaggi che potrei accomunare sotto l’egida di una frase come the show must go on… E allora ve ne voglio parlare, per pensare un po’ più positivo, per stare vicino, per quel poco che possiamo, al mondo e ai lavoratori dello spettacolo.

Inaugurata a Salerno da Jasmine Trinca sabato scorso già in forma ibrida, quindi in parte in presenza in parte online, la 25esima edizione di Linea D’Ombra ad esempio non si fermerà nonostante l’ultimo decreto del governo, ma da oggi, lunedì 26 ottobre, passa totalmente e coraggiosamente in modalità esclusivamente online per chiudere, come previsto, sabato 31 ottobre, dopo la proiezione di ben 100 opere in concorso provenienti da 40 paesi. Tutto, quindi, attraverso la  piattaforma del Festival e i suoi diversi canali social: “non sono certo questi i luoghi dove si creano gli assembranti pericolosi – aveva già detto Jasmine Trinca sabato scorso a Linea d’Ombra presentando la sua opera prima da regista, il cortometraggio BMM Being My MomSi dovrebbe sostenere il settore, e parlo soprattutto della sala cinematografica, che mi preoccupa tantissimo. Credo che questa ipotesi vada scongiurata o almeno procrastinata il più possibile. Se dobbiamo fare i conti con una limitazione della libertà dettata da un senso di responsabilità collettiva, quella mancanza di libertà la vivo anche con il non potere più andare al cinema”. “Dopo due giorni in presenza in Sala Pasolini e Sala Menna, con ottima risposta di pubblico, ci atteniamo alle nuove disposizioni e, non modificando nulla nel contenuto, nell’entusiasmo e nella professionalità, cambiamo solo il modo di fruire delle nostre proposte, in attesa di tornare a guardare in faccia i nostri spettatori molto presto – dichiarano il presidente Giuseppe D’Antonio e il direttore artistico di Linea D’Ombra Boris SollazzoAbbiamo dimostrato un alto senso di responsabilità tutelando al massimo la sicurezza di tutti in presenza, dimostriamo lo stesso senso di responsabilità continuando il festival fino alla fine on line. Ci fermiamo, in presenza, solo per errori altrui, di chi ha negato, sottovalutato la pandemia e di chi non ha saputo essere previdente, dopo la catastrofe primaverile, e ora chiude gli unici luoghi sicuri. Su oltre trentuno milioni di biglietti venduti al cinema dall’inizio della pandemia non è stato constatato nessun contagio diretto tra gli spettatori. Paghiamo una misura demagogica che impedisce a uomini e donne di difendere la vita con la bellezza, anche per questo ci impegneremo doppiamente per regalare a tutti un festival ancora più bello on line. Perché Linea d’Ombra continua. Lo fa nelle vostre case, sui vostri cellulari, ovunque voi vogliate. Non vi abbandoniamo. Non lo fate neanche voi.

Ha fatto appena in tempo a concludersi la Festa del Cinema di Roma e quindi Alice nella Città, la rassegna parallela dedicata al cinema per le nuove generazioni, con le sue 115 proiezioni e 69 opere, tra film e cortometraggi, vinta quest’anno da Kajillionaire di Miranda July, ma i tanti film presentati non hanno ora sale dove essere visti al resto del pubblico. Lo sguardo sempre in avanti della manifestazione si conferma però anche adesso proiettato verso il futuro, quello molto prossimo: rilancia dunque con l’hashtag #Bealice per restare accanto all’industria cinematografica in questo momento così delicato proponendo una piattaforma dedicata e la Nuvola di Fuksas, all’Eur di Roma, con i suoi enormi spazi, per proseguire in tutta sicurezza durante l’anno: “abbiamo sentito fortemente l’affetto intorno a noi, sia da parte della stampa che del pubblico che ha frequentato questo nuovo spazio che sarà sempre di più dedicato al cinema – dicono gli ideatori e direttori artistici Fabia Bettini e Gianluca Giannelliabbiamo apprezzato la forza dei ragazzi  delle scuole che, seppur abbiamo accolto in numero inferiore data la situazione attuale, hanno dimostrato responsabilità mantenendo le distanze e significando che è possibile stare insieme nelle regole. Inutile fare bilanci in un momento come questo, cioè mentre siamo nella tormenta. Oggi possiamo solo immaginare delle azioni concrete che possano consentirci di non interrompere il flusso di energie positive che ha preso vita al festival e che con ogni sforzo intendiamo mantenere acceso. Alice nella città si conclude ma non si ferma: sentiamo molto forte la responsabilità di sostenere l’industria audiovisiva, gli autori e tutti i protagonisti del settore, immaginando il futuro in cui i film potranno nuovamente uscire nelle sale e il pubblico potrà andare nei cinema. Resteremo accanto alle Distribuzioni e a tutti i titoli che abbiamo proposto nella nostra diciottesima edizione, quella della maturità. Abbiamo creato l’hashtag #bealice ovvero: essere Alice non è solo il festival ma durante tutto il corso dell’anno accanto anche alle istituzioni scolastiche. Resilienza e appartenenza: #Bealice non è identità personale ma collettiva. Da subito la piattaforma Scelte di Classe si renderà attiva per tutte le scuole con le quali già collaboriamo e che ne faranno richiesta. Riuniremo tutti i partner che sono al nostro fianco per studiare assieme a loro azioni concrete“.

L’Asylum Fantastic Fest doveva partire a Valmontone mercoledì prossimo, 28 ottobre, con la sua prima parte, lo farà invece il 4 novembre direttamente con la seconda Edizione dell’evento tutta in diretta streaming, accessibile sul portale YouTube Istituzionale del Comune di Valmontone e sulla Pagina FB di Asylum Press Editor: 10 gli incontri, a cominciare da quello con la scrittrice Cristiana Astori e presentazione del volume Asylum Files 020, per proseguire con Ascanio Celestini, la Live performance in diretta Streaming della performer Nora Lux, con l’attrice Jennifer Mischiati protagonista dello sci-fi Creators The Past, con Neri Marcorè, Giobbe Covatta, Pupi avati, Maurizio Nichetti e con Marco Bellocchio cui verrà consegnato il Premio alla Carriera. consegna del Premio alla Carriera, per chiudere con Le tre Madri, Concerto di chiusura in diretta Streaming del M.° Claudio Simonetti, su proiezione di stralci cinematografici, accompagnato da una live performance di Welt dello Yama Tatoo.

The Show must go on…