Montalbano con Serena Iansiti e Stella Egitto, videointerviste

Una giovane e bella donna scompare nel nulla. Si chiama Michela Prestia, in passato è stata allontanata dalla famiglia ed è finita in cattive mani che l’hanno spinta sulla strada. Ultimamente però pare avesse trovato l’amore, contraccambiato, con un certo Saverio Moscato e per lui e con lui ha cambiato vita. Che fine ha fatto dunque? Alcuni credono che non sia cambiata e che se ne sia andata con un altro uomo, ma il sospetto è che sia stata assassinata. Come reagirà a tutto questo la sorella Cinzia cui Michela è molto legata? A indagare sulla sua sparizione è Il Commissario Montalbano (qui la nostra videointervista a Luca Zingaretti) nel secondo e al momento ultimo nuovo episodio della saga di Andrea Camilleri intitolato semplicemente Amore, tratto dalle raccolte Un mese con Montalbano (Sellerio) e Gli arancini di Montalbano (Mondadori), in onda lunedì 19 febbraio in prima serata su Rai 1. Episodio durante il quale anche lo stesso Montalbano si troverà alle prese con l’amore, quello per Livia (qui la nostra videointervista a Sonia Bergamasco) con la quale forse convolerà a nozze. O lo sognerà soltanto? Ad interpretare Michela Prestia è Serena Iansiti, promossa quindi da Il giovane Montalbano a quello che lei definisce “il Montalbano ufficiale”, che ritroveremo presto anche nella nuova stagione de I Bastardi di Pizzofalcone sempre nel ruolo del medico legale Rosalia Martone: “è stato un grande piacere girare in Sicilia e con dei professionisti del genere, attori e troupe” ci dice l’attrice napoletana nella nostra videointervista che trovate a fine articolo. A dar vita alla sorella Cinzia è Stella Egitto, che a primavera troveremo al cinema in Tu mi nascondi qualcosa, opera prima di Giuseppe Loconsole, e che “da siciliana non vedevo l’ora di fare Montalbano” ci rivela nella nostra videointervista, e a proposito del suo personaggio aggiunge: “l’amore può portare davvero lontano, l’amore rimbalza…“. Ecco le nostre videointerviste a Serena Iansiti e Stella Egitto: