Rugantino o Don Silvestro? Capodanno a teatro con Enrico Montesano e Gianluca Guidi

Capodanno a teatro, non male. Magari in musical… e se siete a Roma, al Sistina ad esempio con Rugantino, musical capolavoro firmato Garinei & Giovannini con le musiche del Maestro Armando Trovajoli – che nella prima edizione, quella con Nino Manfredi, Lea Massari, Aldo Fabrizi e Bice Valori, diresse pure l’orchestra – tornato nel tempio del musical capitolino di cui ha fatto la storia sin dalla sua prima rappresentazione il 15 dicembre del 1962, nella versione più classica di sempre, con le scene e i costumi di Giulio Coltellacci, per volere del direttore artistico del Sistina Massimo Romeo Piparo. Protagonista Enrico Montesano che torna a rivestirne gli scanzonati panni a quarant’anni dalla sua prima volta che fu nel 1978, e che ci riporta nella Roma papalina per seguire le gesta del giovanotto irriverente e spaccone che vive di espedienti assieme all’amica Eusebia che spaccia per sua sorella, del boiaccia del Papa che gestisce pure una locanda, e della bella Rosetta, moglie del violento Gnecco Er Matriciano, di cui naturalmente il nostro si innamora perdutamente, perdutamente ricambiato. Ad affiancare Enrico Montesano nel ruolo di Rosetta è Serena Autieri, in quelli di Mastro Titta e di Eusebia sono Antonello Fassari e Edy Angelillo. O magari Capodanno a teatro al Brancaccio con Aggiungi un posto a tavola e con un altro mattatore dei nostri palcoscenici, Gianluca Guidi, garantisce la stessa ditta di cui sopra, la Garinei e Giovannini, e lo stesso compositore ovvero il Maestro Armando Trovajoli, mentre qui le coreografie sono di Gino Landi. Anche per Gianluca Guidi un ruolo ben collaudato, che fu anche di papà Dorelli, quello di Don Silvestro che salva tutti dal diluvio universale con la sua arca. Al suo fianco sul palcoscenico nel ruolo di Ortensia c’è Francesca Nunzi, mentre la voce di Dio è di Enzo Garinei (qui la nostra videointervista a Enzo Garinei). Quindi per una serata festosa e un brindisi di mezzanotte diverso dal solito, ovvero per un Capodanno a teatro, basterà scegliere tra la Roma papalina e il diluvio universale… Noi non possiamo che proprovi le nostre videointerviste a Enrico Montesano e Serena Autieri e a Gianluca Guidi e Francesca Nunzi: