Romolo + Giuly, il videomessaggio d’amore per San Valentino

Giuly, amore mio, non so ‘ndo stai, come stai, ma spero che ‘sto messaggio t’arivi. Sta guerra c’ha diviso, ma non posso lascià passà sta giornata senza fatte arrivà la voce mia”. Comincia così lo straziante quanto esilarante videomessaggio d’amore che Romolo, alias Alessandro D’Ambrosi, manda alla sua amata Giuly ovvero Beatrice Arnera, nel giorno di San Valentino, festa degli innamorati. E chi più di loro? Romolo dunque, mentre è in corso la guerra mondiale italiana, nascosto in un bunker, manda la video-lettera a Giuly perchè la guerra li ha divisi e i due non sanno più nulla l’uno dell’altro. Presto su Fox la seconda stagione di Romolo + Giuly, sempre in esclusiva su Sky, dove la vicenda esce da Roma, Napoli e Milano per toccare altre città e regioni italiane con un balzo temporale rispetto alla prima: la tanto temuta Guerra Mondiale Italiana c’è stata, Milano e Napoli hanno vinto e Roma è città aperta, solo un piccolo gruppo di ribelli capeggiati da Romolo Montacchi e Giuly Copulati può risollevare le sorti di Roma e… ripijasse la Capitale perduta. Ma intanto, in questo giorno sacro per l’amore e quindi per Romolo + Giuly, leggetevi pure il testo dell’appello di Romolo sotto al quale trovate, natruralmente, il videomessaggio originale. Buon divertimento e buon San Valentino!

“Giuly, amore mio, non so ‘ndo stai, come stai, ma spero che ‘sto messaggio t’arivi. Sta guerra c’ha diviso, ma non posso lascià passà sta giornata senza fatte arrivà la voce mia. Io con te so sempre stato sincero… ma c’ho na cosa che me porto dentro da na’ vita, che nun s’ò mai riuscito ad esprime, ma che sento che ora, a te la posso dì:  A me San Valentino m’ammazza! E cene, i regali, l’orsetti, i cuori, e rose, che pare che se non te comporti come un cojone nun sei abbastanza innamorato! !! Nun je la posso fa…. E Poi sei arrivata tu. E te posso dì a verita…  nun è cambiato un cazzo, Giuly! A me sto san valentino m’ammazza uguale!! I santi, pe me, so come i capitani: ce ne sta solo uno: San Pupone da porta Metronia. E sappi che pure se nun fosse scoppiato tutto sto casino, io comunque nun me le sarei accollate tre ore di traffico pe attraversà Roma e annasse a mangna un sashimi che quanno esci dal risorante l’unica cosà che t’ha fatto passa la fame so li 80 euri che j’avemo lasciato. Nun me sarei imbarcato naa drammatica ricerca de n’completino intimo mezzo porcello da regalatte, cercando de azzeccà a taja tua, che poi se sa che comunque sarebbe stata sbajata e te te saresti incazzata sia se te la pijavo troppo piccola, perché t’avrebbe fatto sentì grassa, sia cse te la pijavo troppo grande, perché te avrebbe fatto pensà che te vedo grassa. E soprattutto, amore mio, sappi che nun me sarei rivisto pe la novantesima volta “Le pagine della nostra vita” solo pe fatte contenta, nun ce a faccio più a vedè Ryan Gosling barbuto mezzo hipster che limona sotto a pioggia. O capisci chè sto san Valentino è nincubo!! Che me viè voja de’entrà n’coma mo, pe svejamme  ‘r 15 febbraio? E allora o’ sai che c’è? Che io nun te li faccio l’auguri! Perché io e te nun c’avemo bisogno de festeggiallo oggi, perché a verità è che co te è na festa tutti i giorni. Sei ‘r doppione daa figurina mia, l’anima gemella. Sei come n’ gol ar novantesimo su rigore nventato contro ‘a Juve…  Sei Na cosa ‘mpossibile. Te ritroverò Giuly…t’o prometto!!   E fino a quel momento, buon san valentino tutti i giorni!!”