Roma Web Fest, Gran Galà con Elena Sofia Ricci e Silvia Salemi

E molti altri. In tanti hanno infatti risposto all’appello della Rete e dei suoi autori, senza distinzione di età, generazione e “collocazione” nel mondo dello spettacolo, che sia cinema, televisione, teatro e, naturalmente, web: gremito di vip il Gran Galà della sesta edizione del Roma Web Fest che si è chiusa ieri, la serata di premiazione che si è tenuta giovedì al Teatro del The Church Palace della Capitale. Serata introdotta e presentata sul palco da Janet De Nardis, direttrice artistica e ideatrice del Festival, nato per promuovere il talento webnativo italiano e non, e il dialogo tra produttori, distributori e brand italiani e internazionali. Ad affiancarla Silvia Salemi che vediamo su Rete 4 in Piccole luci e che ai nostri microfoni definisce il web “un’occasione per economia e per il nuovi talenti”. Tra i tanti ospiti anche alcuni giurati come Elena Sofia Ricci, che ha appena finito di girare Che Dio ci aiuti 5 sempre nei panni di Suor Angela e che presto rivedremo a teatro in varie vesti, e che ai nostri microfoni si è detta “negata per il web” lodando invece la bravura dei partecipanti ed esprimendo nei loro riguardi tutta la sua ammirazione, offrendo loro, con la sua consueta ironia e simpatia, anche la sua professionalità. Sempre in giuria anche Andrea Roncato per il quale “il web è il futuro” e definendosi “abbastanza social” non scarta la nostra idea di realizzare una web serie con l’amico e collega di sempre Gigi Sammarchi. Tra i partecipanti alla gara invece il trio doc composto da Lidia Vitale, la “regina de Roma” dello spot di Paolo Sorrentino nonché Anna Montacchi nella serie Fox Romolo + Giuly della quale lei stessa ci conferma una seconda stagione: al Roma Web Fest è stata in gara in veste di regista con Le gonfiate, assieme ai suoi attori Michele Bevilacqua, noto al popolo del web per la serie Pulpette, e Maria Tona.

E poi i giovanissimi amati dai giovanissimi come Pasquale Di Nuzzo che è tornato in Italia dopo due anni durante i quali ha vissuto e lavorato in Argentina (e si sente dal forte accento latino americano acquisito) che vediamo nella serie Soy Luna su Disney Channel nel ruolo di Benicio, e direttamente da Il Paradiso delle Signore Francesco Maccarinelli ed Enrico Oetiker, tra i protagonisti della daily soap di Rai 1, chiamati per consegnare dei premi. E c’era pure Antonio Razzi che ha partecipato al Roma Web Fest in un “cortometraggio con dei ragazzi molto simpatici” e che ai nostri microfoni svela che sta per girare un film a Venezia con un grande regista di nome Andrea di cui però non ricorda il cognome. Li abbiamo incontrati tutti come vedete nel nostro speciale Gran Galà Roma Web Fest qua sotto, cui segue l’elenco di premi e premiati, mentre le videointerviste complete le trovate tutte sul nostro canale youtube. Buona visione!

 

 

 

 

 

 

 

 

Ed ecco tutti i premiati del Roma Web Fest 2018

SEZIONE WEB SERIE:

– Miglior web serie italiana: Involontario che ha vinto il premio della Laser S.film pari a un valore di 5.000,00 Euro per 3 giorni di color correction

– Premio Roma Web Fest: Vieux Jeu che vince il premio di 1.500,00 Euro messo in palio da Minerva pictures

– Premio Rai Cinema Channel: A.A. Artisti Anonimi consistente in 3.000,00 Euro in diritti e consegnato da Carlo Rodomonti.

– Migliore regia: La festa triste – che ha vinto il premio della Panalight pari a un valore di 5.000,00 Euro in servizi di noleggio e va direttamente in finale al Seoul Web Fest

– Migliore fotografia Patricia Moore – che ha vinto un device di ultima generazione messo in palio da Wiko

– Migliore sceneggiatura: estremi rimedi che ha vinto il premio della Laser S.film pari a un valore di 3.500,00 Euro per due giorni di sala mix audio e arriva. Direttamente in finale al Webfest Berlin 2019

– Miglior montaggio Morir en la Rueda – che ha vinto un device di ultima generazione messo in palio da Wiko

– Migliore colonna sonora The League of S.T.E.A.M che ha vinto una Play Station VR messa in palio da Sony

– Movieland 2018: Enfants Perduts – premio Roma Lazio Film Commission del valore di 3.000,00 €

– Miglior attore italiano protagonista vince Francesco Mazza. (Estremi Rimedi)

– Migliore attrice italiana protagonista vince Giulia Penna ( Involontario)

– Migliori costumi: The League of S.T.E.A.M

– Miglior drama: indictus – che ha vinto il premio della “2f cinerent” pari a un valore di 3.000,00€ in noleggio di attrezzature tecnologiche di scena e va Direttamente in finale al Seoul Web Fest

– Miglior documentario: Cronache di un sequestro – che ha vinto il premio della West 46th films pari a un valore di 3.000,00 € in noleggio per tre giorni dell’attrezzatura necessaria per la realizzazione di un cortometraggio o di un pilot

– Migliori effetti speciali: kanaga

– Miglior Comedy sketch: La terra a pezzi

– Miglior comedy story: Involontario

– Miglior thrillerr/horror: Crimetube Southtyrol “The Suitcase”

– Miglior cartoon: Prima dell’alba subito dopo il tramonto

– Miglior science fiction/fantasy: The League of S.T.E.A.M

MIGLIORI CORTI:

– Miglior corto: Eyes – che ha vinto il premio della Panalight pari a un valore di 5.000,00 € in noleggio di attrezzature

– Premio Michael Ajakwe: Vol 69

– Miglior regia: Savant kali

– Miglior sceneggiatura: Non e’ una bufala

– Miglior fotografia: Nuraghes s’Arena – che ha vinto un contatto di distribuzione offerto da Premierefilm

– Miglior attrice: Gisella Burinato (non è una bufala)

– Miglior attore protagonista: Mirko Frezza (Idris)

PUNTATE ZERO:

– Miglior puntata zero: Noleggio con conducente

– La migliore idea originale: Once (in my life) Che vince il premio del Laboratorio di Arti sceniche di Massimiliano Bruno, che premia anche A.A. artisti anonimi come puntata zero più votata dal Laboratorio. Entrambe le opere avranno diritto ad un workshop presso il laboratorio.

– Premio miglior virtual reality : A Dreams of Blue

PREMI SPECIALI

– Rio golden ticket: I trenta sono i nuovi 60 – Volerà a Rio De Janeiro per l’edizione 2019 del Rio Web fest godendo di viaggio e hotel pagati per permettere la partecipazione alla sessione finale del concorso.

– Premio opera sociale: Io cammino

– Miglior idea originale: Antartika

– Next prize award: The Man for Your Sins

– Premio della critica Internazionale: Kenosepia

– Premio del pubblico in sala: Nomade 7

– Movieland premio del pubblico on line: The Broken Circle

– Per il premio pubblico della rete sezione web serie “il più votato: The Broken Circle

– Per il premio pubblico della rete sezione web serie “il piu’ apprezzato”: the league of s.t.e.a.m

– Per il premio pubblico della rete sezione puntate zero: L’ombra del vero

– Per il premio pubblico della rete sezione cortometraggi: Savant: Kali 47

La giuria internazionale ha consegnato i seguenti premi:

Best foreign actress: Julie Chevalier (di ink)

Best foreign actor: Jacques Godin (di vieux jeux)

Best soundtrack: I’m under

Best idea: How to buy a baby

Best international production: Patricia Moore

Best direction Vieux Jeu

Best foreign web serie This is desmondo ray