Play! Storie che cantano, vince Cristiano Turrini e vince la musica

Ha vinto Cristiano Turrini la finale di Play! Storie che cantano, il contest musicale per giovani talenti che hanno partecipato con canzoni ispirate alle storie delle pazienti raccolte nell’ambito della campagna Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico, la campagna promossa dal 2017 da Pfizer con il patrocinio di Fondazione AIOM, in collaborazione con Europa Donna Italia e Susan G. Komen Italia, ideata e curata in tutte le edizioni da Pro Format Comunicazione. Romano, trent’anni, con più di qualche esperienza di talent visto che è già stato a The Voice 2015 e ha partecipato alle selezioni di Sanremo Giovani 2016 e 2018, Cristiano Turrini ha trionfato giovedì sera sommerso da una pioggia di coriandoli azzurri al termine della grande festa di Play! Storie che cantano ospitata dall’Auditorium Conciliazione di Roma con una canzone intitolata Guernica per la quale ha vinto la pubblicazione e la promozione ad opera di iMean Music Publishing and Management e la sua distribuzione su tutte le piattaforme nazionali e internazionali di The Saifam Group. Applauditissimi anche gli altri quattro finalisti: Matteo Arpe con 3,2,1, Gloria Galassi con Peso forma, Luca Ricozzi con Sorridi sempre, Rebecca Pecoriello con Il diritto di disobbedire. Tutti i loro brani li potete ascoltare su www.voltatiguardaascolta.it/play-storie-che-cantano.

Una grande festa dicevamo perchè nonostante il tema, lo spettacolo è andato avanti con leggerezza e allegria, la musica prima protagonista con la sua forza comunicativa e trascinante, così come sono state le esibizioni degli ospiti più attesi, presentati da Giuseppe De Marco e Melania Agrimano di RDS: ad aprire la serata naturalmente Noemi, madrina e giurata del contest (qui la nostra videointervista a Noemi), che accompagnata da una ricca e suggestiva coreografia di danzatori sul palco e di immagini sul maxi schermo, ha cantato Vuoto a perdere e Domani è un altro giorno: “la musica qui è al servizio di un tema importantissimo – ha detto Noemi sul palco – e di donne fantastiche che dalla malattia hanno tirato fuori una grandissima forza”. In giuria anche il maestro Beppe Vessicchio che ha lodato la capacità dei giovani concorrenti di aver “trattato il tema da diversi punti di vista ed ognuno nella sua modalità”.

Ad accendere poi la platea di Play! Storie che cantano è stato Enrico Nigiotti con Nonno Hollywood e L’amore è; a seguire l’eleganza e la simpatia di Bianca Atzei  con Ora esisti solo tu e Sulla mia bocca; poi sul palco sono saliti Roy Paci e Diodato, prima separatamente, rispettivamente con Beautiful like the sunshine e Mi si scioglie in bocca, poi insieme con Adesso, il loro pezzo sanremese che è stato scelto come colonna sonora del cortometraggio La notte prima, presentato l’anno scorso alla Mostra del Cinema di Venezia, e punto di forza della scorsa edizione della campagna di Voltati Guarda Ascolta. Sul palco sono saliti quindi i protagonisti del corto, Francesco Montanari e Antonia Liskova. E quasi sul finale quasi sul finale un sorprendente e carichissimo Francesco Sarcina senza Le Vibrazioni, con una versione tutta chitarra di Dedicato a te e Vieni da me.

Le foto sono di Angelo Costanzo