Oscar 2022: Miglior Film Coda, migliori attori Jessica Chastain e Will Smith che tira un pugno a Chris Rock (Video)

L’Oscar 2022 per il miglior film è andato a I segni del cuore (CODA) di Sian Heder, che racconta di una famiglia di sordi dove soltanto la protagonista Ruby, interpretata da Emilia Jones, sente; sordi anche gli attori Marlee Matlin, Daniel Durant e Troy Kotsur che ha vinto l’Oscar come miglior attore non protagonista. Ma è Dune il film che si porta a casa più statuette, sei esattamente, nel corso della Cerimonia di Premiazione svoltasi nella notte al Dolby Theatre di Los Angeles. A Jane Campion l’Oscar 2022 per la regia de Il Potere del cane. Miglior attore protagonista Will Smith per King Richard Una famiglia vincente, miglior attrice protagonista Jessica Chastain per Gli occhi di Tammy Faye.

E proprio Will Smith è stato protagonista degli Oscar 2022 con un siparieretto memorabile poco prima della sua premiazione: dopo che il conduttore della cerimonia Chris Rock ha lanciato dal palco una battuta a sua moglie, Jada Pinkett Smith, chiedendole se avesse la testa rasata per girare un nuovo Soldato Jane (l’attrice soffre invece di alopecia), Smith si è alzato e una volta sul palco ha sferrato a Rock un pugno sulla faccia. Poi, di nuovo dalla sua postazione in platea, gli ha gridato di non nominare più il nome di sua moglie (Qui il video). Sembra poi che tutto sia rientrato senza drammatiche conseguenze e che Chris Rock abbia dichiarato di non sporgere denuncia nei confronti del collega. Poco dopo nel suo discorso di ringraziamento, Will Smith, scusandosi con l’Academy, con tutti ma non con Rock, ha detto: “King Richard era uno strenuo difensore della sua famiglia, in questo periodo della mia vita io mi sento sopraffatto per ciò che Dio mi chiede di fare e di essere perché sono stato chiamato in questa vita per amare e proteggere le persone, e per fare ciò che facciamo, dobbiamo essere in grado di sopportare chi parla male e non porta rispetto, mantenere il sorriso e far finta che vada tutto bene… Vorrei scusarmi con l’Academy e con gli altri miei colleghi e candidati… Mi sto comportando come Richarrd, un padre pazzo, ma l’amore mi fa fare cose folli, anche perchè la mia vita in questo momento è complicata. Ringrazio l’Academy e spero che mi invitino ancora su questo palco“.

Nulla da fare per L’Italia, neanche per Paolo Sorrentino con È stata la mano di Dio candidato come miglior film internazionale, Oscar vinto dal giapponese Drive my car.

Di seguito tutti i premi Oscar 2022:

Miglior film: I Segni del Cuore (CODA)

Miglior attore protagonista: Will Smith – Una famiglia vincente – King Richard (King Richard)

Miglior attrice protagonista: Jessica Chastain – Gli occhi di Tammy Faye (The Eyes of Tammy Faye)

Miglior regia: Jane Campion – Il potere del cane (The Power of the Dog)

Miglior attore non protagonista: Troy Kotsur – I segni del cuore (CODA)

Miglior attrice non protagonista: Ariana DeBose – West Side Story

Miglior sceneggiatura originale: Kenneth Branagh – Belfast

Miglior sceneggiatura non originale: Sian Heder – I segni del cuore (CODA)

Miglior film internazionale: Drive My Car (Doraibu mai kā), regia di Ryūsuke Hamaguchi (Giappone)

Miglior trucco: Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh – Gli occhi di Tammy Faye (The Eyes of Tammy Faye)

Migliori costumi: Jenny Beavan – Crudelia (Cruella)

Miglior sonoro: Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill, Ron Bartlett – Dune (Dune: Part One)

Miglior film d’animazione: Encanto, regia di Byron Howard e Jared Bush

Miglior documentario: Summer of Soul (…Or, When the Revolution Could Not Be Televised), regia di Questlove, Joseph Patel, Robert Fyvolent e David Dinerstein

Migliori effetti speciali:Paul Lambert, Tristen Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer – Dune (Dune: Part One)

Miglior scenografia: Patrice Vermette – Dune (Dune: Part One)

Miglior fotografia: Greig Fraser – Dune (Dune: Part One)

Miglior montaggio: Joe Walker – Dune (Dune: Part One)

Miglior colonna sonora: Hans Zimmer – Dune (Dune: Part One)

Miglior canzone: No Time To Die (musiche di Billie Eilish; testo di Billie Eilish e Finneas O’Connell) – No Time to Die

Miglior cortometraggio: The Long Goodbye, regia di Aneil Karia e Riz Ahmed

Miglior corto documentario: The Queen of Basketball, regia di Ben Proudfoot

Miglior corto d’animazione: The Windshield Wiper, regia di Alberto Mielgo e Leo Sanchez