Nations Award 2021, ecco tutti i premiati a Taormina

Eleganza, glamour e tanti volti noti domenica sera al Teatro Antico di Taormina per la cerimonia di premiazione del Nations Award 2021condotta da Daniela Ferolla, un’edizione che “oltre a celebrare attori, cineasti nazionali ed internazionali è stata incentrata sulla sostenibilità ambientale e sulla valorizzazione del territorio – ha detto il presidente Michel Curatolo – aspetti fondamentali di un turismo di qualità, che per la Sicilia è il cardine di economia e lavoro”.

Ambassador dell’evento, Diana Del Bufalo ha ricevuto il premio Thinkingreen – LifeGate, per la sua opera di sensibilizzazione a sostegno dell’apicoltura, comparto che attraversa una crisi senza precedenti, e della salvaguardia delle api, vero e proprio indicatore dello stato di salute dell’ambiente. Non a caso Diana Del Bufalo, nel corso della sua permanenza in Sicilia, è stata ospite alla Casa museo dell’apicoltore di Zafferana Etnea. A nome della Del Bufalo verranno anche tutelati 100 metri quadrati di foresta amazzonica brasiliana grazie al progetto Foreste in Piedi di LifeGate, da oltre vent’anni punto di riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile e media partner dell’evento. Carolina Crescentini è stata insignita del Nations Award per aver saputo unire nel suo percorso artistico grande professionalità e dedizione alla recitazione. Andrea Arcangeli è stato premiato con il Nations Award per l’interpretazione di Roberto Baggio in Il Divin codino: fuoriclasse dello sport, ma anche icona di stile per tutte le generazioni. All’attore e regista Giorgio Pasotti è stato consegnato il premio Nations Award Bottega per il suo talento poliedrico e la sua versatilità. A Peter Chelsom, regista, attore e sceneggiatore britannico (Serendipity, Shall We Dance?, Hannah Montana) è stato consegnato il Nations Award per il grandissimo successo del suo ultimo film Security,  tra i dieci film più visti in streaming worldwide.

Vittorio Storaro, direttore della fotografia e tre volte premio Oscar per Apocalypse Now, Reds e L’ultimo imperatore, è stato consegnato il Nations Award alla carriera per la sua sensibilità artistica ed espressiva, riconosciuta in tutto il mondo. Fra i premiati anche alcuni tra i volti più popolari della serialità televisiva degli ultimi anni, come Maggie Civantos (Macarena Ferreiro in Vis a Vis e Ángeles Vidal ne Le Ragazze del Centralino) e Mario De La Rosa, star internazionale dopo il successo della serie La Casa di Carta, che nel corso della serata ha ricevuto due riconoscimenti: Il premio delle Nazioni e il premio Marlù direttamente da Morena Fabbri di Marlù Gioielli “per aver affrontato nel suo libro Hemorragias un tema molto caro a Marlu’, il tema dell’amore, da sempre una fonte d’ispirazione importante per l’arte in generale, le grandi canzoni d’amore, il cinema e la letteratura”. Inoltre, Marlù Gioielli ha deciso di sposare la causa di “Bee my Future”, il progetto di LifeGate per la tutela dell’allevamento delle api in contesti urbani affidato ad una rete di esperti apicoltori, andando ad adottare per un anno un’intera arnia, composta da 50.000 api, che prenderà il suo nome. Premiata anche Norma Cerletti, nota sul web come Norma’s Teaching, che durante il lockdown è diventata la più famosa insegnante di inglese. 

Guest star, il fuoriclasse brasiliano Ronaldinho: il calciatore, che nel 2002 ha vinto il mondiale con la nazionale carioca e nel 2005 il Pallone d’oro, è stato premiato con il Champion Charity Award per il suo impegno nel sociale e la sua generosità. E ieri sera ha prestato anche la sua immagine per un vino elegante e armonioso come il suo talento, un Nero d’Avola entrato a far parte del progetto The Wine of Champions da un’idea di Fabio Cordella, titolare in Salento dell’omonima cantina vinicola e direttore sportivo di numerose squadre di calcio, anche lui premiato per “l’intensa promozione dell’enologia italiana nel mondo”.

Durante la kermesse è stato ricordato Sebastiano Tusa, archeologo e assessore regionale, vittima della strage aerea della Ethiopian Airlines. Alla sua memoria è stato dedicato un premio speciale, che quest’anno è andato a Donatella Bianchi presidente del Wwf Italia. Per il premio Tusa, l’artista Domenico Pellegrino ha realizzato una scultura chiamata Euploia (che tradotto significa “Buona navigazione”), dal titolo di un libro di Tusa. La scultura si ispira ad uno dei rostri ritrovati dall’archeologo nel mare delle Egadi.  

A margine della premiazione è stata firmata la Carta di Taormina: un manifesto per la salvaguardia dell’ambiente con uno sguardo al futuro, stilato dalla Ocean Sea Foundation – organizzazione non governativa costituita da esperti scientifici e ambientali che mirano a proteggere il mare e gli oceani – e dalla fondazione Einaudi. Nove i punti che caratterizzano il documento (Innovazioni, Libertà ed Energia, Transizione ecologica, Gestione integrata dei rifiuti, Effetti butterfly, Microplastiche, Economia ambientale, Eco-innovazioni e Green city), che verrà presentato al Parlamento europeo. Durante la tre giorni di eventi, EvenTao ha voluto manifestare concretamente, con una raccolta fondi, la sua vicinanza ad Aism e alle 10mila persone in Sicilia che convivono tutti i giorni con la sclerosi multipla: malattia del sistema nervoso centrale che colpisce per lo più le donne e soggetti giovani fra i 15 e i 40 anni.