Eros Ramazzotti lancia Vita ce n’è, album ‘positivo’ dedicato a Pino Daniele

A tre anni da Perfetto, arriva Vita ce n’è, un inno all’ottimismo, al pensiero positivo, al guardare avanti firmato Eros Ramazzotti che lo definisce anche come un nuovo inizio e una sfida con sé stesso. Vita ce n’è esce in cento paesi del mondo in italiano e in spagnolo per le terre latino americane dove il cantante romano ha sempre e da sempre un grande successo. Un album tutto dedicato al collega e amico scomparso Pino Daniele perché “era il minimo che potessi fare” dice Eros Ramazzotti. 14 pezzi per il suo quindicesimo lavoro da studio che contiene tre duetti e tante collaborazioni: in Vale per sempre che strizza l’orecchio al gospel Eros canta con la giovanissima cantautrice calabro canadese Alessia Cara, in Per le strade una canzone, tributo alla musica latina e al divertimento tutto da ballare, con Luis Fonsi di Despacito, e in Per il resto tutto bene – che apre anche l’album in versione solista – con la tedesca Helene Fischer a chiudere il disco.

Dentro c’è naturalmente anche Vita ce n’è, primo singolo e title track dell’album, e ci sono vari pezzi firmati da autori doc come Jovanotti per In primo piano, Bungaro per Ti dichiaro amore, Mogol per Avanti così, anche questa dalle sonorità un po’ latine. Senza dimenticare i giovani e cioè Enrico Nigiotti, reduce dallo scorso X Factor, che già in tempi non sospetti aveva scritto per lui Ho bisogno di te, Fortunato Zampaglione con Nati per amare, Paolo Antonacci, figlio di Biagio, con Due volontà, Cheope e Federica Abbate che firmano ben 7 tracce. Tante canzoni d’amore di cui tutto il disco è pervaso, compresa Buonamore dedicata alla figlia Aurora, e pure Dall’altra parte dell’infinito per chi crede che dopo la morte l’amore continui, anche quello per un amico o per un figlio perduto prima del tempo, e ci si potrà ritrovare.

Per Eros Ramazzotti c’è anche un grande tour in vista che partirà il 17 febbraio da Monaco di Baviera e che lo porterà in tutto il mondo. Vita ce n’è, realizzato con Universal Music e Vertigo/Eventim (rispettivamente la parte discografica e live) e prodotto da Radiorama, è stato presentato in anteprima alla stampa mondiale al Castello Sforzesco di Milano alla presenza di Pippo Baudo che lo scoprì nel lontano Sanremo 84, nell’ambito della Milano Music Week 2018. Ecco come ce ne parla Eros Ramazzotti: