Carla Signoris tra Ma cosa ci dice il cervello e Grande Amore, videointervista

Carla Signoris tra cinema e televisione. In sala esce infatti oggi, giovedì 18 aprile, Ma cosa ci dice il cervello, il nuovo film di Riccardo Milani che l’ha voluta per il ruolo esilarante di Agata, mamma di Giovanna, la protagonista interpretata da Paola Cortellesi (qui la nostra videointervista a Paola Cortellesi e Stefano Fresi), una spericolata agente dei servizi segreti costretta a fingersi una semplice impiegata del Ministero, anche con sua figlia e, appunto, sua madre, che invece, avendola avuta da adolescente, ora è decisa a recuperare il divertimento perduto e quando Giovanna l’accusa di essere patetica vedendola vestita da Agnetha Fältskog degli Abba, lei risponde con un secco “sono viva”. Insomma, la mamma che nessuno vorrebbe avere: “e che neanch’io vorrei avere – ci ribatte Carla Signoris nella nostra videointervista – però è una mamma molto divertente che non ha capito nulla della figlia e che continua a trattare come se fosse “una grigia e triste suora laica depressa”… ho detto ‘in questo film, Mio Dio, ho partorito Rambo’…” Nonostante sia nonna di Martina, figlia di Giovanna, della quale pare abbia preso in mano l’educazione, Agata tutto sembra meno che una nonna: a dir poco sopra le righe, energica ed esuberante, va a ballare, si tiene in forma e soprattutto frequenta strani locali travestita ogni volta da una differente icona pop: sono sempre ruoli un po’ borderline e devi fidarti della persona che hai davanti, in questo caso di Riccardo Milani…” ci dice Carla Signoris, che sull’esistenza reale di persone che come Giovanna salvano paesi e popolazioni senza che nessuno lo sappia, non ha dubbi: “credo che siamo circondati da queste specie di angeli – ci rivela – persone trasparenti che dovrebbero proteggerci, e speriamo che lo facciano”. In un ruolo di mamma a dir poco particolare, con tanto di ombrello volante come Mary Poppins, l’avevamo vista anche lo scorso novembre ne La TV delle Ragazze – Gli Stati Generali su Rai 3, e sulla stessa rete è tornata da domenica scorsa alle 20.30 in veste di conduttrice di Grande Amore, il nuovo programma ideato e diretto da Angelo Bozzolini che racconta cinque grandi storie d’amore di coppie famosissime di ogni tempo confrontandole con altrettante storie d’amore di persone comuni e di oggi, un format che Carla Signoris definisce semplicemente “un colpo di genio di Stefano Coletta, direttore di Rai 3” e poi aggiunge: “in fondo parlare d’amore è una cosa che tutto sommato potrebbe pure farci bene… prendiamo una coppia famosa e un’altra di comuni mortali accumunate dallo stesso problema e vediamo come lo hanno affrontato, e scopriamo che le coppie comuni ce la fanno”. Domenica scorsa hanno aperto le danze Elizabeth Taylor e Richard Burton, poi toccherà a Yoko Ono e John Lennon, a Dalida e Luigi Tenco, a Grace Kelly e Ray Milland e a Maria Callas e Aristotele Onassis. E la coppia Carla Signoris e Maurizio Crozza? “Quelli sono ancora vivi – ci risponde – lasciamoli vivere…” Ed ecco la nostra videointervista a Carla Signoris: