Gay Village Fantàsia, musica, teatro, unicorni e Pino Strabioli. Videointervista

Benvenuti a Fantàsia, luogo incantato dove umanità e natura convivono e si divertono, dove gli unicorni corrono in completa libertà così come il popolo dei diritto. Benvenuti tutti, ma proprio tutti, etero, gay, lesbiche, trans, coppie, single, fidanzati, sposati, divorziati e pure cani. Benvenuti tra musica e spettacoli, tra poesia e prosa, tra palchi per suonare e piste per ballare, posti per bere e mangiare e vialetti verdi per passeggiare. Benvenuti al Gay Village di Roma che quest’anno si chiama Fantàsia, appunto, con Kristine VonTrois padrona di casa: a tema l’ambientazione allestita nel parco del Ninfeo e pure la campagna pubblicitaria con l’unicorno bianco cavalcato niente meno che da Giuseppe Cimarosa, figlio di un pentito di mafia che ha scelto la via della legalità e dell’arte creando a Castelvetrano il Teatro Equestre Cimarosa, ed è lui  il primo cavaliere del Regno di Fantàsia che giovedì 8 giugno racconterà la sua storia nella serata d’apertura della nuova stagione del Gay Village. Stagione che sarà inaugurata dalla madrina Elenoire Casalegno, tra i tantissimi grandi ospiti di questa sedicesima edizione organizzata da Annachiara Marignoli, Imma Battaglia, Paola Dee e Mauro Basso, tra cui Veronica Pivetti (9 Giugno), Arturo Brachetti (16 Giugno), Patty Pravo (22 Giugno), Enrico Lucherini e Barbara D’Urso (23 Giugno), Orietta Berti (24 Giugno), Vladimir Luxuria, ex direttrice artistica, a presentare il suo libro Il Coraggio di Essere una Farfalla, Barbara Palombelli, Fiamma Satta che sarà intervistata con la stessa Imma Battaglia (13 Luglio), Chiara Francini (15 Luglio), la coreografa Veronica Peparini, Antonello Dose (25 Agosto), Luca Zingaretti (7 Settembre) e, per chiudere in bellezza nel vero senso della parola, Ornella Muti (8 Settembre). Svariati anche i concerti sul palco Amarganta, e di ogni genere, da Le NoChoice (10 Giugno) a Moreno (15 giugno, ospite di GVAcademy), da Cristina D’Avena (17 Giugno) a Giordana Angi (28 Giugno, qui la nostra videointervista a Giordana Angi) che firma e presenta BamBam, la sigla ufficiale del Lazio Pride 2017 promosso da Tiziano Ferro, da Mario Venuti (30 Giugno) a Bianca Atzei, e ancora Massimo Di Cataldo, Moseek, Nancy Coppola (27 Luglio, ospite di Drag Factor), Arisa, il cantante israeliano Yeho (18 Agosto) per la prima volta in Italia, e molti altri artisti per chiudere il 9 settembre con i Planet Funk. Spazio poi ai DJ ospiti, come il lanciatore di torte e canotti Steve Aoki, alle drag queen com KastaDiva e Silvana della Magliana, agli acrobati e ai ballerini di Christian Nastasi, e pure a qualche concorrente di Italia’s Got Talent come Mirko Darar. Dal 22 giugno arrivano pure il teatro e il cabaret a cominciare dai Karma B con A qualcuno piace Karma, per chiudere il 2 settembre con La Più Meglio Gioventù di e con Alessandro Bardani e con Francesco Montanari, passando per Paola Minaccioni, Alessandro Fullin e molti altri. E ancora presentazioni di libri, Festival e concorsi, lezioni cinofile e di autodifesa, sport e karaoke. Quanta Fantàsia, dunque, o fantasia che dir si voglia, per un Gay Village 2017 che vanta quest’anno una direzione artistica corale, ovvero a più voci, tra cui quella di Eva Grimaldi e quella di Pino Strabioli che gestirà anche lo spazio interviste, come ci racconta lui stesso. Ecco dunque la nostra videointervista a Pino Strabioli: