Braccialetti Rossi 3: videointerviste a Rocco e Toni, Lorenzo Guidi e Pio Luigi Piscicelli

Rocco è l’imprescindibile, quello senza il quale i Braccialetti Rossi non sarebbero mai nati. E lo sarà sempre, anche se lo vedremo un po’ meno nella terza stagione della fortunata serie diretta da Giacomo Campiotti al via domenica 16 ottobre su Rai 1 con la novità dell’orario anticipato, ovvero alle 20.35, subito dopo il TG, per dare la possibilità a tutti i fan più piccoli di poterla seguire con più facilità. Rocco infatti, dicevamo, non è più in ospedale, è stato dimesso ed è tornato alla sua vita di sempre, a casa con la famiglia e a scuola con gli amici, ma sente troppo la mancanza dei suoi Braccialetti Rossi perché “il problema della vita normale è che… è normale” dice, per lui è quindi davvero impossibile tenersi alla larga da Leo e Cris come da Toni, il Furbo, con il quale ha in comune una sorta di missione, quella di tenere uniti i Braccialetti Rossi. Toni dal canto suo è sempre più deciso a diventare l’infermiere più bravo del mondo tanto che ormai tutti lo considerano un po’ come il braccio destro di Ulisse (Lele Vannoli), anche se suo nonno (Vittorio Viviani) sta molto meglio e lui in effetti dovrebbe lasciare l’ospedale. Ma Toni sta crescendo e per lui l’amore è in agguato… un amore al gusto di Mela… Ecco le nostre videointerviste a Rocco e Toni, entrambi davvero cresciuti dalla prima stagione della serie, ovvero a Lorenzo Guidi, romano e ormai quattordicenne, e a Pio Luigi Piscicelli, diciassettenne di Boscoreale, in provincia di Napoli: