Torna Fuori Quadro, l’arte contemporanea raccontata in TV da Achille Bonito Oliva

Se vi capita di gironzolare all’alba di una domenica per le strade di Roma e di imbattervi in uno strano tipo che declama cose apparentemente senza senso sull’arte contemporanea, non vi preoccupate, non è un pazzo e soprattutto non è pericoloso, e se guardate meglio lo riconoscete pure: è Achille Bonito Oliva detto A.B.O. che si sveglia presto per lanciare da una piazza romana, proprio al sorgere del sole, il tema della puntata del giorno di Fuori Quadro, il suo programma sull’arte contemporanea che torna con la seconda edizione sulla stessa rete, nello stesso giorno e alla stessa ora della prima, ovvero su Rai3 la domenica alle 13.25, per 8 puntate.

Si parte oggi, domenica 14 giugno, con Quasi per gioco, un viaggio nei linguaggi contemporanei, dove il gioco recita un suo ruolo nell’arte anche attraverso l’uso di tecniche ludiche infantili, ospiti Daniel Buren e Sisley Xhafa. Si chiuderà con Selfie, sul tema del sé che attraversa tutta la storia dell’arte, dagli autoritratti che raccontano vite difficili come in Shiele, Kirchner e Frida Khalo a indagini sulla propria immagine da Bacon a Warhol, ospiti Tracey Emin e Vanessa Beecroft.

Una trasmissione non di informazione ma “di formazione al contemporaneo nei suoi molteplici linguaggi – spiega lo stesso Oliva – una trama che non vuole essere pedante, ma piuttosto penetrante, con l’intenzione di portare lo spettatore tra i molteplici percorsi dell’arte contemporanea che non è un labirinto, ma una strada con molti sentieri luminosi”. Insomma per scoprire e capire un po’ di più dell’arte contemporanea con l’aiuto di qualcuno che ne sa certo più di noi visto che parliamo di uno dei critici d’arte più apprezzati e noti a livello internazionale, certo lontano dalla figura canonica del noioso prof di storia dell’arte o dello studioso altezzoso che usa paroloni e non si capisce di cosa stia parlando.

Non è certo questo e non è certo così A.B.O., uno sguardo a 360 gradi sull’arte e tutto ciò che le gira attorno, preparato e provocatorio quanto basta a tenere desta l’attenzione. È lui ad affrontare un tema a settimana raccontandolo con l’aiuto di immagini inedite per la tv generalista e servizi filmati, approfondendolo con indagini, riflessioni storiche e critiche e con l’ulteriore ausilio e consulenza di un paio di personalità italiane e straniere dell’arte e della cultura contemporanea a puntata, come Gianfranco Barucchello, Maya Bajevic, Mircea Cantor, Lara Favaretto, Shilpa Gupta, Anish Kapoor, William Kentridge, Wolfang Laib, Antonio Marras, Hidetoshi Nagasawa, Hiroshi Sugimoto, Rikrit Tiravanija.

Tre le nuove rubriche di questa edizione: Arte e Mestieri condotta dalla giornalista Marta Perego dedicata alle professioni legate al mondo dell’arte, dal restauratore di contemporaneo al coloraio, dal comunicatore all’art blogger, fino all’editore, al collezionista e all’educatore; TotòModo dedicata ai bambini e ispirata all’omonimo film di Oliva dove è Totò a descrivere i principali movimenti dell’arte contemporanea; e Il tallone di Achille con A.B.O. che dialoga con la giovane Sveva Fratino che gli chiede spiegazioni su una sua frase ermetica. A chiudere ogni appuntamento la rubrica Opera Aperta, protagonista un’opera d’arte che riassume il tema della puntata e la morale della favola, una sorta di aforisma finale a salutare il pubblico.

Fuori Quadro, prodotto da Athena, è scritto da Oliva con Cecilia Casorati, Paola Marino e Alessandro Buccini per la regia di Domenico De Orsi e la consulenza musicale di Milena Treggiani.