Soundtrack – ti spio, ti guardo, ti ascolto: thriller a sfondo erotico per l’esordio cinematografico di Francesca Marra

Paolo fa il tecnico del suono e ha più o meno cinquant’anni, Linda è una giovane attrice emergente di Budapest. Si sono conosciuti sul set di un film, lei ha seguito lui in Italia e stanno insieme da un po’, lui per lei ha lasciato i figli e forse anche un lavoro migliore. Lavorano spesso insieme, ognuno con il suo ruolo, ora però lei recita in uno spettacolo teatrale scritto dal suo vecchio amico Andrea per il quale deve trasferirsi a Sulmona, in Abruzzo, e lui la segue. La piece in cui recita Linda racconta di una rapporto di coppia ambiguo e alquanto morboso in cui si inserisce una terza persona e dal quale il personaggio di Linda cerca di fuggire con la fantasia. Dopo qualche giorno, accade qualcosa di strano e inquietante: il confine tra la realtà e la finzione si fa nebbioso, incerto, distinguere tra le due dimensioni sempre più difficile, tanto che in Paolo nasce una vera e propria ossessione per Linda di cui diventa patologicamente geloso, arrivando a spiarla e controllarla continuamente, sfociando inesorabilmente nel voyerismo.

Soundtrack – ti spio, ti guardo, ti ascolto, nelle sale da giovedì 25 giugno, con Distribuzione Straordinaria, è il primo lungometraggio per il cinema di Francesca Marra, per anni aiuto regista di Enrico Oldoini sia per il grande che per il piccolo schermo, con il quale ha scritto anche la sceneggiatura. Alla regia ha esordito nel 2006 con alcuni episodi della serie TV Capri, poi due anni dopo con  regia e sceneggiatura del film per la TV Un coccodrillo per amico.

Un thriller a sfondo erotico con Valentina Lodovini, Andrea Osvart, Vincenzo Amato e Giorgio Lupano dove il senso di possesso e la fissazione nei confronti dell’altro porteranno inevitabilmente i protagonisti della vicenda, Paolo, Linda e una giovane coppia, a fare i conti con i loro fantasmi senza riuscire a fermare quell’esplosione di sentimenti e risentimenti latenti che probabilmente covavano da tempo nel loro inconscio come fuoco sotto la cenere. Un noir dunque anche psicologico alla ricerca dei lati più oscuri e fragili dell’animo umano.

“Volevo raccontare – spiega Francesca Marra – di come sia facile oltrepassare un limite di normalità senza neanche accorgersene e all’improvviso entrare nella follia da cui tornare indietro non è più possibile”.

Le musiche di Soundtrack sono di Francesco Cerasi e Giacomo Vitullo. Di seguito il trailer del film: