Musica senza dimora, con Mark Hanna e la sua band

La musica non ha confini, l’arte non ha un tetto e la solidarietà non basta mai. Arte, musica e solidarietà dunque per chi non ha una casa con Musica senza dimora, un evento nato da un’idea del direttore artistico Mark Hanna e dei giornalisti Ernesto Assante e Gino Castaldo, aperto a tutti e ad ingresso gratuito, ospitato venerdì 13 aprile alla Fonderia della Arti di Roma dalle 19.30, una performance collettiva che vedrà sul palco artisti del panorama musicale, teatrale e cinematografico della città, ma anche persone senza dimora ospiti di Casa Arca, la struttura di accoglienza gestita da Fondazione Progetto Arca onlus da oltre vent’anni a fianco dei senzatetto. Nella sala Grigia Musica senza dimora porta la video installazione di Abitare, reportage documentaristico sul disagio abitativo nella capitale realizzato dal fotoreporter Michele Cirillo, impegnato da più di tre anni a immortalare inquilini di case popolari, residence, palazzi occupati e persone senza dimora con la volontà di creare un vero e proprio “database visivo” di questa problematica sociale sempre più presente, e la musica classica e contemporanea del duetto composto da Haina Gurska al violino e Albertt Kozinin al pianoforte. Spazio anche al teatro con la lettura del brano di Pier Paolo Pasolini Alì dagli occhi azzurri recitato in italiano dall’attrice Grazia Carrino affiancata da Salahaldin Siggid con un’interpretazione dello stesso testo in arabo. E nella sala Teatro Mark Hanna e la sua Band – ovvero Mark Hanna vocals, guitars, harmonica; Moreno Viglione guitars, vocals; Dido Tabelli harmonica; Augusto Zanonzini drums, percussion; Fabrizio Sciannameo bass, vocals; Serenella Sotgiu vocals – con pezzi rock e blues in acustico intervallati dagli interventi dei giornalisti Ernesto Assante e Gino Castaldo.