Cannes 2016, Money Monster con George Clooney e Julia Roberts in sala

Metti due belli belli del cinema come George Clooney e Julia Roberts, l’uno nei panni di un famoso presentatore televisivo nonché esperto di finanza dal nome onomatopeico di Lee Gates, l’altra in quelli della sua produttrice che si chiama Patty Fenn. Metti che i due conducono, uno davanti alla telecamera e l’altra dietro, un seguitissimo quanto ridicolo show finanziario dal titolo Money Monster dove il conduttore lancia delle dritte al pubblico a casa su come moltiplicare i propri averi mentre balla con delle veline, cambiando cappelli e spiegando al suo pubblico i termini del settore più complessi con suoni e campanellini, mentre la Fenn gli parla nell’auricolare per dettargli cosa dire, proprio come faceva Boncompagni con Ambra a Non è la Rai, e cerca di tenerlo sotto controllo il più possibile.

E metti che mentre va la diretta, piomba in studio un giovane tale e quale a Jack O’Connell (’71, Skins) imbufalito per aver investito tutti i suoi risparmi nella Ibis Clear Capital come aveva suggerito qualche puntata prima Lee Gates e adesso gli punti una pistola davanti a milioni di telespettatori per spiegare che c’è un complotto nel settore e nel mercato globale dell’alta tecnologia. Ecco Money Monster – L’altra faccia del denaro, quarto film da regista della pluripremiata – come Clooney e la Roberts del resto – Jody Foster, presentato oggi, giovedì 12 maggio, al Festival del Cinema di Cannes 2016  nella sezione ufficiale fuori concorso e sempre oggi uscito nelle nostre sale in 350 copie grazie a Warner Bros. Pictures.

Un film adorato dalla stessa regista, e sarebbe un po’ strano il contrario, perché “fonde due cose opposte – spiega Jody Foster – l’adrenalina del thriller e lo svolgimento in tempo reale della storia. Si tratta infatti di un thriller veloce, eccitante, intelligente ma allo stesso tempo immediato ed accessibile con la storia che si dipana in tempo reale”.  “Il mondo del denaro è ormai fuori controllo – dice George Clooney che è anche coproduttore del film – e quando le cose vanno male a pagarne le conseguenze è la gente comune”. Nell’evolversi degli eventi, anche Gates ritroverà la sua umanità e perderà un po’ della sua insopportabie spocchia. Sotto accusa ovviamente anche il mondo della TV, o almeno di certa TV. Nel cast anche Dominic West, Caitriona Balfe e Giancarlo Esposito.