MoliseCinema numero 13: apre Edoardo Leo, omaggio a Pier Paolo Pasolini. E Nanni Moretti tira le orecchie al pubblico “un po’ pigro”

Se il 13 porta bene, sarà davvero fortunata la XIII edizione di MoliseCinema al via martedì 4 agosto a Casacalenda, in provincia di Campobasso, con la direzione artistica di Federico Pommier Vincelli, che anche quest’anno, fra tradizione e innovazione, vanta tanti film, cortometraggi, documentari, eventi e ospiti. E certo è iniziata bene con Nanni Moretti, ospite d’onore dell’anteprima di domenica scorsa a presentare Mia madre e a tirare le orecchie a un pubblico, quello del cinema italiano, che ha definito “un po’ pigro” e “non sempre innocente” perché “alle volte sa che escono certi film e decide di non andare a vederli. Non sempre il pubblico è innocente”.

E si apre altrettanto bene stasera con Edoardo Leo, il suo piccolo capolavoro dal titolo Noi e la Giulia con lo stesso Leo, Claudio Amendola, Anna Foglietta e Luca Argentero, e anche il suo reading musicale Ti racconto una storia… letture semiserie e tragicomiche.

6 i film in concorso nella sezione Paesi in lungo, tra opere prime e seconde premiate dal pubblico: Banana di Andrea Jublin, accompagnato dai giovani attori Marco Todisco e Beatrice Proietti; Cloro, presenti i protagonisti Andrea Vergoni e Sara Serraiocco; Fin qui tutto bene di Roan Johnson introdotto da Guglielmo Favilla e Melissa Anna Bartolini; La prima volta di mia figlia di Riccardo Rossi presentato dallo stesso regista; La terra dei santi di Fernando Muraca che ci sarà assieme a Daniela Marra; Vergine giurata di Laura Bispuri, con Alba Rohrwacher, presentato dalla co-protagonista Flonja Kodheli.

Paesi in corto il titolo della sezione dedicata ai cortometraggi internazionali in concorso in arrivo da tutto il mondo, molti in anteprima: in giuria Vishakha Singh, la giovane attrice indiana che porta in Molise un pizzico di Bollywood, Chris Richmond e Luca Briasco. Tra gli italiani della sezione Percorsi anche Love sharing di e con Monica Scattini in omaggio all’attrice scomparsa, Varicella di Fulvio Risuleo, tra i vincitori di Cannes 2015, Child K di Roberto de Feo e Vito Palumbo e L’attesa del maggio di Simone Massi. A decretare il vincitore, una giuria composta da Janet de Nardis, Fabio Mollo e Elena Mazzocchi.

Frontiere è invece la sezione dedicata ai documentari dove incontriamo La compagna solitudine di Davide Vigore, Habitat–Note personali di Emiliano Dante, Napolislam di Ernesto Pagano, LocalEuropa. Musica Valida per l’Espatrio di Francesco Cordio, SmoKings di Michele Fornasero e Uomini proibiti di Angelita Fiore. In giuria Antonio Pezzuto, Vanessa Roghi e Giovanni Cioni. Novità di questa edizione, il concorso per cortometraggi dedicato ai Molisani nel mondo.

Per gli omaggi, oltre al già citato a Monica Scattini, anche quello a Pierpaolo Pasolini nel 40° anniversario della morte con una retrospettiva composta da alcuni dei suoi film più celebri: Il vangelo secondo Matteo, Mamma Roma, Comizi d’amore, Uccellacci e uccellini, Il fiore delle mille e una notte e anche da Pasolini di Abel Ferrara. Al regista-scrittore è dedicata anche la mostra fotografica dal titolo Pasolini sul Set a cura di Antonella Felicioni e proposta al Festival dal CSC – Cineteca Nazionale, da quest’anno partner del Festival, accompagnata da un video celebrativo dei più grandi intellettuali ed artisti italiani.

Immancabile, visto l’attuale successo del genere, un appuntamento nuovo di zecca con un workshop dedicato alle webseries in collaborazione con il Roma Web Fest, e poi un Focus sul 70° anniversario della Liberazione con la presentazione del film Dal ritorno di Giovani Cioni e un omaggio ai deportati militari italiani nei campi nazisti, oltre all’ormai consueto appuntamento con la terrazza dei libri.

Tra gli altri ospiti del Festival anche Stefano Fresi, Giulio Manfredonia, Rosaria Russo, Marco Puccioni.

Tutto il programma su: molisecinema.it