Lettera da Marte, l’esordio magico di Viola Nocenzi

La magia che ci serve, soprattutto in periodo come questo, lo spirito di libertà e il desiderio di sognare, magari con un viaggio su Marte, un viaggio musicale si intende. Lettera da Marte è il brano di Viola Nocenzi, figlia d’arte, figlia cioè del fondatore e anima del Banco del Mutuo Soccorso, Vittorio Nocenzi, che sin da piccola ha respirato in casa l’arte delle sette note e del bel canto: a quattro anni suona già il pianoforte, ma non le basta e allora studia il violino e il canto d’opera, diventando cantante, musicista e compositrice. Con la produzione artistica dello zio, Gianni Nocenzi, e la collaborazione dei musicisti dello Zoo di Berlino, Viola Nocenzi esce ora allo scoperto con tutta la sua sensibilità, ironia e raffinatezza. Un canto elegante il suo, che si alza fino a toccare la lirica, intenso, magico, appunto. Come la canzone che racconta di un amore sincero nato da quelle che comunemente chiamiamo affinità elettive, quelle di testa oltre che di cuore, un amore tenuto insieme da una corrispondenza astrale che unisce e perdona. “Ho scelto Lettera da Marte per anticipare il mio lavoro perché qui coesistono molte delle mie parti fondanti: il mondo rock, il pop, l’elettronica e un modo tutto surreale di mescolarle – spiega Viola – racconta una storia dove le distanze non contano, anzi si azzerano, perché il contatto è telepatico. È un invito a sperare nell’impossibile, soffiando sopra il vento delle cose non umane. In questo particolare periodo che siamo stati chiamati a vivere, il brano è anche un invito a viaggiare con la fantasia, ad andare su un altro pianeta. Dove per una volta, tutto è bellissimo, e il dolore è lontano. Questo è l’inizio. Mi apro al mondo e lo porto su Marte. Spero con tutto il cuore che questo mio brano possa regalare un’emozione, e perché no, possa anche aiutare a sollevare lo spirito delle persone che stanno attraversando un momento difficile”. Lettera da Marte, fuori giovedì 12 novembre, mentre il videoclip lo potete già vedere QUI, è il preludio di un primo lavoro discografico di Viola Nocenzi che aspettiamo con curiosità.