La guerra è finita: il photocall