La Civetta & CO: arriva su Boomerang la civetta rosa divoratrice di bruchi. E non è sola

Non parla, è egoista e cattivella, ma alla fine ci rimette sempre lei e si perde pure i pezzi, piumaggio, si fa per dire, rosa fucsia, occhi a palla e zampette blu staccate da tutto il resto che non si capisce neanche come faccia a camminare. E pure è lei, Civetta, la protagonista di La Civetta & CO, la nuova serie che arriva dalla Francia, titolo originale La Chouette & CIE, un po’ cartoon un po’ comedy al via domenica 20 settembre in prima tv assoluta su Boomerang con una maratona di 5 ore e mezza a partire dalle 15, per poi proseguire da lunedì 21 settembre con la messa in onda quotidiana alle 20.

Vincitrice del Pulcinella Award 2015 a Cartoons on the Bay nella categoria Serie TV per ragazzi, La Civetta & CO narra le assurde avventure di un altrettanto assurdo gruppazzo di strani animali: Rana, quasi antipatica per quanto saputella e logorroica; Pecora, fifona e parecchio tontolona; Pipistrellina, bella sveglia e scattante, l’unica normale forse di tutta la compagnia; e Stecco, nel senso di insetto, con le manine di scheletro e tutto sommato abbastanza accomodante. E poi Civetta, appunto, scontrosa e decisamente poco socievole, l’unica che, paradossalmente, non proferisce parola ma ha un solo pensiero fisso: divorare bruchi. Meglio se verdi, cicciottelli e morbidi. Un vizio, se vogliamo chiamarlo così, o semplicemente un istinto naturale, che la mette continuamente nei guai.

Non si tira indietro, pur di divorarselo, neanche davanti a un bruco gigante, così ridotto dopo aver ingerito un pezzo di meteorite verde e luminoso precipitato di notte dal cielo, con i denti e lo sguardo feroce che bastava anche meno per terrorizzare Pecora, ma non certo Rana che riesce a farsi grande anche in questa occasione, ammaestrando quella sorta di mostro verde che non è Hulk proprio come un cucciolo, tra seduto, a terra, pancia in su e a cuccia… Civetta però non demorde e quando ingurgitata a sua volta dal mega bruco, come Pinocchio nella pancia della balena riesce a mangiare anche lei un pezzettino di materia spaziale diventando gigante, per un po’ sembrerà avere la meglio, ma poi…

Quella dei bruchi è realmente un’ossessione per Civetta che non esita neanche a offrirsi volontaria per farsi sparare nello spazio con una navicella costruita al volo dal gruppazzo e dopo un addestramento in cui in realtà la meglio ce l’ha Rana, ma Civetta ci mette un attimo a sbarazzarsi di lei e a risultare l’unico, per quanto pessimo e incapace, pilota di astronave al momento disponibile, il tutto solo perché dal telescopio il pianeta appare pullulante di bruchi.. o sono spaghetti?

78 episodi di 7 minuti ciascuno prodotti da Studio Hari con la tecnica 3D-CGI, doppiati da professionisti quali Fabrizio Mazzotta (I Simpson), Oreste Baldini (Madagascar, Scooby-Doo), Sergio Lucchetti (Cars2) e Barbara Pitotti (Ben 10), inondati di colori e gag dove inesorabilmente si tifa per il più cattivo di tutti, Civetta, ovvio…