Italian Pro Surfer, il primo talent show sul surf. Al timone ci sono le Donatella

Il surf è praticato oggi  da 23 milioni di persone nel mondo, 50mila solo in Italia, e da sempre più donne. Ma vi siete mai chiesti chi lo ha inventato? I polinesiani, che usavano giocare a dominare e a stare in equilibrio sulle onde con rudimentali tavole di legno già nel 1777, quando li vide il capitano James Cook, l’esploratore britannico che l’anno dopo, durante I suo terzo viaggio nel Pacifico, fece scoprire le Hawaii all’Europa, e annotò quella strana, energica, divertente usanza locale sul suo diario di bordo.

Oggi se dici surf dici mare, sabbia bianca, estate, onde, divertimento, dici Beach Boys e pure Elvis Presley, dici camicia con le palme, gioco, gara e sfida, e adesso dici pure TV. Arriva stasera, domenica 5 giugno, in seconda serata su Italia 1 Italian Pro Surfer, nuovo talent show più che estivo e marino tutto dedicato al surf  ideato e prodotto da Red Carpet per Mediaset e realizzato da Publitalia Branded Entertainment, con 8 concorrenti alla ricerca dell’onda perfetta e del titolo di King e Queen di Italian Pro Surfer, perché a sfidarsi a colpi di… onda nel corso di 6 puntate sono 4 ragazze e 4 ragazzi dai 18 ai 32 anni provenienti da tutta Italia:  Alexia Rizzardi, 25 anni, romana, detta Psyco; Camilla Michetti, 26 anni, viareggina, detta Lina; Valentina Vitale, 31 anni, romana, detta Barbie Camionista; Valeria Patriarca, 18 anni, romana, detta Blondie; Davide Onorato, 32 anni, di Recco, detto Ono; Federico Nesti, 20 anni, di Tirrenia, detto Nestibuss; Alessandro De Martini, 23 anni, di Chiavari, detto Alex; e Filippo Orso, 28 anni di Pietra Ligure, detto Filo.

A presentare, nell’inedito ruolo di conduttrici, le gemelle modenesi Giulia e Silvia Provvedi, conosciute come le Donatella, così le ribattezzò Arisa a XFactor 2012 quando arrivarono con il nome di Provs Destinations, poi vincitrici dell’Isola dei Famosi 2015. Lo show è tutto girato in Marocco con gli 8 surfisti che lo attraverseranno, e i telespettatori con loro, tra paesaggi mozzafiato da Marrakech a Imsouane, da Tagazhout a Mirleft, per cimentarsi in due discipline, quelle più spettacolari del surf: lo shortboard e il longboard. Coach e giudici allo stesso tempo, quindi con il compito di allenarli e poi giudicarli, due miti del surf italiano, ovvero David Pecchi e Alessandro Marcianò, coach short che lo scorso 23 dicembre a Nazareth, in Portogallo, ha conquistato il record italiano cavalcando un’onda di 18 metri. A loro si affiancherà un giudice speciale, e in alcuni casi oseremo dire insospettabile, per ogni puntata: se infatti non stupisce la presenza nell’ultima puntata del recordman mondiale di surf Garrett McNamara, cha ha cavalcato un onda di 30 metri, e neanche poi tanto quella di Christian Panucci, dirigente sportivo ed ex calciatore e allenatore nella puntata d’esordio, né del campione di nuoto Luca Marin nella terza; a incuriosirci, visto il contesto, sono invece di più la presentatrice sarda Giorgia Palmas, coach aggiunto della seconda puntata, Giulia Michelini che vedremo nella quarta e soprattutto Alessandro Borghi che surferà nel quinto appuntamento di Italian Pro Surfer, come ci ha raccontato lui stesso nella nostra videointervista che vedete qui. Radio partner del programma è Radio 105.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.