Come una madre: il photocall