Argot Studio: la nuova stagione tra realtà virtuale, produzioni originali e formazione

Il Bambolo con Linda Caridi, ET – L’incredibile Storia di Elio Trenta con Luigi Diberti, L’uomo dal fiore in bocca con Lucrezia Lante della Rovere. Sono le tre produzioni originali di Argot Studio, il teatro, e non solo, nel cuore di Trastevere a Roma, in cartellone per la stagione 2021-2022, una stagione all’insegna della sperimentazione e della contaminazione, sia stilistica che tecnica, denominata Corto Circuito. Non per nulla l’Argot è stata la prima realtà capitolina ad ospitare uno spettacolo interamente fruibile attraverso visori Oculus Rift, e cioè Segnale d’Allarme – La mia battaglia VR, un progetto assolutamente all’avanguardia ideato da Omar Rashid, Pierfrancesco Pisani ed Elio Germano, e al tempo stesso una scommessa nata dalla collaborazione con Gold Productions, trasformandosi dunque anche in una sala di proiezione per spettacoli dal vivo in Virtual Reality. Ed è proprio con Segnale d’Allarme – La mia battaglia VR, in scena fino a domenica 7 novembre, che Argot Studio ha inaugurato la stagione: scritto con Chiara Lagani e interpretato dallo stesso Elio Germano, lo spettacolo, distopico e virtuale, regala al pubblico un’esperienza immersiva indimenticabile. Altre novità assolute in VR, sempre co-prodotte e realizzate da Gold Productions, saranno C’era una Volta di Ondadurto Teatro, Così è (o mi pare) – Pirandello in VR immaginato, adattato e diretto anche questo da Elio Germano che sarà anche in scena affiancato da un cast in cui troviamo Gaetano Bruno, Serena Barone, Michele Sinisi, Natalia Magni, Caterina Biasiol, Daniele Parisi, Maria Sole Mansutti, Gioia Salvatori, Marco Ripoldi, Fabrizio Careddu, Davide Grillo, Bruno Valente, Lisio Castiglia, Luisa Bosi, Ivo Romagnoli. Ed è solo un assaggio della ricca programmazione che verrà svelata via via nel corso della stagione stessa, mese per mese: per restare aggiornati, basta seguire il sito e i canali social di Argot Studio. Per info info@teatroargotstudio.com

Tra i progetti speciali di Argot Studio il ritorno di In Altre Parole – Rassegna Internazionale di drammaturgia contemporanea ideata e diretta da Pino Tierno e a cura diretta di Argot, che per questa edizione è in collaborazione con gli istituti di cultura e le ambasciate di Spagna, Paesi Bassi, Austria, Quebec, Israele, tra serate in presenza e in streaming; il progetto OVER – Emergenze Teatrali che vedrà la luce l’anno prossimo ospitando quattro nuove compagnie in residenza.  Argot Studio è anche e sarà uno spazio aperto alla formazione e all’innovazione: ad inaugurare la sua stagione di stage e workshop, un laboratorio dedicato alla drammaturgia condotto da Gabriele di Luca della compagnia Carrozzeria Orfeo.