Antonella Clerici e Carlo Conti presentano insieme Senza Parole e Si può fare. E forse pure Sanremo. Tanto, dicono, siamo come fratelli

Conferenza stampa congiunta oggi a Viale Mazzini per Antonella Clerici e Carlo Conti, l’una a presentare il suo nuovo emotainment dal titolo Senza parole, al via sabato 11 aprile su Rai1 alle 21.10, l’altro la seconda edizione di Si può fare al via lunedì 13 aprile stessa rete stessa ora. Del resto “siamo amici – dicono quasi in coro – ci confidiamo anche se abbiamo qualche problema con l’azienda, siamo come fratelli”. E non è detto che non possano condurre insieme il prossimo Festival di Sanremo, fa capire il direttore di Rai1 Giancarlo Leone.

Creato da Filippo Cipriano per la regia di Sergio Colabon e rigorosamente in diretta, Senza parole si propone di aiutare chi ha da dire qualcosa che non è facile da dire attraverso “delle immagini, uno spettacolo, una musica, una grafica, un filmato, cioè in tanti modi di comunicare, compresi i silenzi” spiega Antonella Clerici, e con l’aiuto di personaggi famosi. “Le persone vengono a raccontarci una storia – dice ancora la padrona di casa – e noi la interpretiamo. Gli artisti vengono naturalmente a fare ciò per cui sono famosi”. Otto puntate in tutto, ospite della prima sarà Arisa. Ad Antonella Clerici toccherà ancora La prova del Cuoco e da settembre tornerà con Ti lascio una Canzone. E, chissà, magari un altro Sanremo ma con Carlo Conti. Di questo ma anche di altro – come della remota possibilità che lasci la Rai e della pace fatta con la collega Elisa Isoardi che la precede la mattina su Rai1 con Conti fatti – abbiamo chiesto ad Antonella Clerici, ecco la nostra videointervista:

E veniamo a Carlo Conti che riparte con la seconda edizione di Si può fare, per la regia di Maurizio Pagnussat, con la stessa formula della collaudata prima edizione ma spostato al lunedì, con un’anteprima venerdì 10 aprile al posto di Affari Tuoi per formulare i primi abbinamenti. Sempre 12 i personaggi che si cimenteranno in ardue performance che quest’anno non potranno scegliere ma verranno assegnate loro dallo stesso Conti: Fiona May, Pamela Prati, Roberto Ciufoli, Biagio Izzo, Matilde Brandi, Costanza Caracciolo, Juliana Moreira, Mariana Rodriguez, Mario Cipollini, Simon Grechi, Amaurys Perez e Tommaso Rinaldi. “La differenza con i vip di Tale e Quale – dice Conti – è che quelli di Si può fare sono forse un po’ meno famosi e vengono anche per acquistare maggiore popolarità, a Tale e Quale invece vengono solo per farsi vedere dal pubblico in un’altra veste”. Una giuria di qualità voterà e alla fine decreterà il vincitore: come l’anno scorso si tratta di Pippo Baudo, Amanda Lear e Jury Chechi. Anche qui ospiti musicali, tutti da Sanremo a cominciare da Nek. Anche per Conti ci saranno poi altri impegni: il 4 giugno i Music Awards all’Arena di Verona, il 13 giugno Nel nome del cuore da Assisi, in autunno Tale e Quale e L‘Eredità in staffetta con Fabrizio Frizzi e forse da gennaio I migliori anni e a febbraio, chissà, Sanremo 2. Ecco un estratto dell’intervento di Carlo Conti in conferenza stampa: