Addio a Laura Antonelli

Laura Antonelli, indimenticabile protagonista di Malizia nel lontano 1973, ma anche di tanti altri film diretti, tra gli altri, da Visconti, Dino Risi e Luigi Comencini, è morta nella notte nella sua casa di Ladispoli, sul litorale romano. Originaria di Pola, in Croazia, si era trasferita a Roma giovanissima per insegnare educazione fisica, ma subito era passata alla pubblicità, ai fotoromanzi e poi al cinema.La sua vita era stata tristemente segnata negli anni novanta da un’inchiesta giudiziaria per il ritrovamento di alcune dosi di cocaina nella sua villa di Cerveteri dalla quale fu assolta, e poi per un intervento di chirurgia plastica che le aveva deturpato il bellissimo viso nel 1991, intrapreso in occasione del film di Samperi Malizia 2000 rivelatosi un flop. Nel 2010 Lino Banfi aveva chiesto per lei l’assistenza della legge Bacchelli, prevista per gli artisti in difficoltà economiche, ma lei rispose decisa e con garbo: “ringrazio Lino Banfi e tutti coloro che si stanno preoccupando di me, mi farebbe piacere vivere in modo più sereno e dignitoso anche se a me la vita terrena non interessa più. Vorrei essere dimenticata”.