Torino Film Festival tra adolescenti in crisi, figli d’arte e Roberto Bolle

Lui fa il filmaker, ha cominciato bene e deve dimostrare di poter continuare sulla stessa via, lei è la classica donna in carriera. Più o meno sessant’anni in due, vivono a Los Angeles felici e contenti finché non prendono una decisione definitiva e decisamente spiazzante, quella di sposarsi. Ecco Between Us di Rafael Palacio Illingworth con Olivia Thirlby (Juno) e Ben Feldman (Mad Men) ad inaugurare stasera dalla sezione Festa Mobile la 34esima edizione del Torino Film Festival diretto da Emanuela Martini che condurrà la serata di apertura assieme alla madrina Jasmine Trinca “felicissima di tornare a Torino per accompagnare un festival libero come pochi altri” ha detto l’attrice che è anche protagonista con Luca Marinelli di Slam – Tutto per una ragazza di Andrea Molaioli tratto dal romanzo di Nick Hornby. Qualche numero della kermesse: 158 i film, 43 le anteprime mondiali, 73 le italiane.

Film italiano in concorso a  I figli della notte, opera prima di Andrea De Sica, nipote del grande Vittorio, a raccontare di Giulio, adolescente mandato in un collegio di montagna per piccoli dirigenti, come dovessero già assaporare l’altitudine della loro futura posizione sociale, un posto dove bisogna rispettare regole ferree e repressive e se trasgredisci, beh, anche quella è una regola da rispettare, ma lo scopri dopo. Adolescente alla ricerca della sua identità è anche Jesús, protagonista del film omonimo di Fernando Guzzoni, il cui spingersi sempre oltre i propri limiti lo riporterà a riavvicinarsi a un padre con cui un rapporto vero non l’ha mai avuto. Un ragazzo in crisi anche in Avant Les Rues del canadese Chloé Leriche. Ma neanche andando avanti con gli anni pare ci aspetti la felicità: tra i corti del 34esimo TFF troviamo ad esempio ‘A Mazzamma di Ennio Eduardo Donato, storia di un parcheggiatore abusivo agli arresti domiciliari che nelle uniche due ore al giorno in cui può mettere il naso fuori casa se ne torna al parcheggio e a quel triste magazzino riempito di cose da tutta una vita.

Tra le anteprime Sully di Clint Eastwood con Tom Hanks nei panni dell’impavido pilota d’aerei Chesley Sullenberger, peraltro ospite d’onore del Torino Film Festival. Atteso anche Free State of Jones di Gary Ross con Matthew McConaughey. In anteprima mondiale anche il film Roberto Bolle – L’arte della Danza scritto e diretto da Francesca Pedroni, che sarà presentato domenica 20 novembre, ospite lo stesso Bolle. Tra gli ospiti anche Gabriele Salvatores, Nanni Moretti, Marta Gastini, Gianni Amelio, Lou Castel, Palo Sorrentino, Francesco Munzi, Daniele Segre, Maurizio Zaccaro, Ezio Bosso. Premio Maria Adriana Prolo alla carriera 2016 a Costa-Gavras cui sarà consegnato da Riccardo Scamarcio. Omaggi a David Bowie, Michael Cimino e Gillo Pontecorvo.