Taormina Film Fest apre con i senzatetto di Richard Gere e il cartone Pixar, madrina Bianca Balti

Sarà l’anteprima del nuovo film d’animazione Disney Pixar Alla ricerca di Dory di Andrew Stanton nelle nostre sale il 14 settembre, sèguito di Alla ricerca di Nemo di ben 13 anni fa firmato dallo stesso regista, ad aprire sabato 11 giugno con una proiezione speciale al Teatro Greco e alla presenza dei testimonial dell’omonimo concorso web Trio Medusa e Angelo Duro, la 62esima edizione del Taormina Film Fest, oltre un centinaio le pellicole in programma fino al 18 giugno, molte in anteprima, tra film, corti, documentari e anche serie TV in arrivo da 21 paesi. Prima però l’evento più coraggioso della manifestazione con Richard Gere, presidente onorario del Taormina Film Fest, a lanciare la sua campagna #HomelessZero presentando il film Gli invisibili di Oren Moverman che lo vede protagonista, alla presenza di 300 senzatetto, replicando in qualche modo quanto accaduto giovedì a Roma alla comunità di Sant’Egidio, evento che vi abbiamo ampiamente video-documentato e nel corso del quale Richard Gere ci ha parlato del film. Un’iniziativa definita “una grande scommessa vinta” dall’organizzatrice del Festival Tiziana Rocca, quella cioè “di portare all’attenzione del grande pubblico gli invisibili – dice alla presentazione del Taormina Film Fest – tutte quelle persone che vivono ai margini della società, grazie all’impegno di Richard Gere, della Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora, della Comunità di Sant’Egidio e di Baume & Mercier che ci ha fortemente sostenuti; ho accettato con molto piacere la proposta della Federazione perché da sempre ho voluto dare sostegno alle iniziative di grande valore sociale”. “Ho sempre avuto un feeling speciale con i miei fratelli e sorelle italiani e mi fa molto piacere che abbiano abbracciato con generosità l’iniziativa #HomelessZero che è molto vicina al mio cuore” fa eco Richard Gere che sarà anche la prima star sul red carpet assieme a Susan Sarandon, protagonista di The Meddler di Lorene Scafaria. Altre attese presenze quelle di Harvey Keitel, Jeremy Renner, Rebecca Hall, Iain Glen, Kathryn Hahn, Ray Winstone, Jacqueline Bisset, il direttore del festival di Cannes Thierry Frémaux e per gli italiani Alessandro Borghi, Francesco Munzi, Marco Bellocchio, Marco D’Amore, Noemi, Maria Grazia Cucinotta, Claudio Santamaria, Giorgio Panariello, Anna Galiena, Miguel Bosè e pure Marcello Lippi.

Ad aprire il concorso domenica 12 giugno sarà Tutti vogliono qualcosa di Richard Linklater a raccontare la metamorfosi di un gruppo di amici dall’adolescenza all’età adulta negli anni Ottanta. A chiudere le proiezioni il 18 giugno sarà invece I.T. di John Moore con Pierce Brosnan. In mezzo davvero tanta roba, come Ukraine on Fire di Igor Lopatonok, fortemente sostenuto da Oliver Stone; Desierto del messicano Jonas Cuaron, figlio di Alfonso Cuaron, con Gael Garcia Bernal; Mother’s Day di Gary Marshall con Julia Roberts e Jennifer Aniston, e pure le serie Game of Thrones e Gomorra. La giuria è presieduta da Claudio Masenza e Monica Guerritore, madrina del Taormina Film Fest è Bianca Balti.

Il programma del Taormina Film Fest lo trovate qui.