Max Gazzè al cinema in Lasciami per sempre. Videointervista

Reduce dal fortunatissimo Alchemaya Opera Sintonica Tour partito il 3 aprile da Roma e terminato venerdì scorso a Torino che l’ha visto girare i teatri d’Italia con la Bohemian Symphony Orchestra di Praga diretta dal Maestro Clemente Ferrari fondendo musica sinfonica ed elettronica, ovvero orchestra e sintetizzatore, Max Gazzè torna al cinema, là dove aveva esordito nel 2010 con Basilicata coast to coast di Rocco Papaleo, esperienza poi ripetuta in 12 12 12 del collega Massimo Morini, in Incompresa di Asia Argento e pure in Confusi e felici di Massimiliano Bruno. E adesso eccolo in Lasciami per sempre, il nuovo film liberamente autobiografico di Simona Izzo prodotto da Film9 con Rai Cinema e in sala da domani, giovedì 20 aprile con Notorious Pictures, che racconta di una famiglia allargata detta anche “mandria parentale” riunita per un pranzo di compleanno che, come spesso accade alle riunioni di famiglia, si rivelerà evento distruttivo e costruttivo al tempo stesso. Del resto “mi piacciono tutte le espressioni che implicano un’interpretazione, cinematografica o teatrale, e nelle musica anche accade questo… “ ci dice Max Gazzè nella nostra videointervista che trovate a fine articolo. In Lasciami per sempre Max Gazzè interpreta, guarda caso, un musicista, Nikos, con un figlio alquanto strano di nome Sean (Sean Cubito) che vive in Canada e che lui non vede da un bel po’ e che riabbraccia, appunto, in occasione di questa festa che poi è il ventesimo compleanno di Lorenzo (Andrea Bellisario), figlio della sua compagna Viola (Barbora Bobulova), una bella donna divorziata con un figlio e un ex marito di cui Nikos è un po’ geloso, in più Nikos è in crisi creativa… Non lo è invece di certo Max Gazzè che sta lavorando a un nuovo disco mentre in estate uscirà quello di Alchemaya il cui tour riprenderà quanto prima, e poi tanti live come il concerto  insieme a Daniele Silvestri e Carmen Consoli che il 14 e 15 luglio lo porterà  a Collisioni 2017, il Festival Agrirock di Barolo, nel cuneese, e quello del 31 luglio assieme ad Alex Britti all’Auditorium Parco della Musica di Roma nell’ambito della manifestazione Luglio suona bene. La nostra videointervista a Max Gazzè: