Le nozze di Laura, ovvero il Vangelo secondo Pupi Avati

Ma non erano le nozze di Cana quelle dove, visto che gli invitati si erano bevuti tutto, Gesù si esibì nel suo primo miracolo tramutando l’acqua in vino? Sì, ma Pupi Avati può fare ciò che vuole, anche attualizzare un passo evangelico con miracolo annesso e portare il tutto in televisione. Per cui ecco Le nozze di Laura, nuovo film TV del regista bolognese che torna su Rai1 stasera, lunedì 7 dicembre, alle 21.20, con una rivisitazione di uno degli episodi più noti del Vangelo di Giovanni, film scritto con il figlio Tommaso e prodotto dalla Duea Film del fratello Antonio e da Rai Fiction che “riguarda il mio rapporto con la cristianità – spiega Avati – tutte le sere leggo il Vangelo e Le nozze di Cana è l’episodio che mi ha colpito di più, è stata la sera in cui Gesù mi ha agganciato. In un contesto doloroso come quello che stiamo vivendo oggi – continua – credo che ricandidare la lezione evangelica sia l’unica possibilità per tornare a riavvicinarci. Così ho cercato di raccontare Gesù e due apostoli attraverso una storia che entra con un po’ di cautela nel territorio sacro. Le nozze di Laura è stata premeditata un anno fa ed è molto attuale. Va in TV – ribadisce come aveva già fatto altre volte – perché dal cinema, che guarda solo al botteghino, non sarebbe mai statoi accettato”. Fa eco la protagonista: “viviamo in un periodo storico nel quale il messaggio della fede e della speranza è importante – racconta Marta Iagatti che Avati aveva già voluto in Un matrimonio – Per interpretare Laura sono andata a riprendere delle cose nel mio passato, dalla mia adolescenza e postadolescenza”.

Ed ecco la storia. Laura è una ragazza calabrese di famiglia benestante che ha un agrumeto a Rocca Imperiale e che si trasferisce a Roma per cambiare la sua vita. In effetti la cambia, anche se non proprio come volevano né lei né suo padre, visto che conosce un ragazzo che la mette incinta e come da copione sparisce. Lei torna quindi a casa tenendo nascosta la sua gravidanza e si mette a lavorare nel frutteto di famiglia dove c’è Karimu (Valentino Agunu) che arriva dal Ciad dove pare facesse il principe, in Italia invece studia medicina a Bologna e per campare fa il bracciante stagionale. I due si innamorano e in segreto portano avanti la loro storia aiutati dalla zia di lei, Maria (Lina Sastri) e da suo figlio che è un po’ strano e che tutti chiamano Lui (Alessandro Sperduti). Nel cast anche Nicola Rignanese, Rita Abela e cameo di Neri Marcorè.

Dopo Le nozze di Laura Pupi Avati vorrebbe fare altri film per la televisione che rivedano altri passi del Nuovo Testamento in versione moderna.