Dado minacciato per il suo video sui Casamonica dedica il suo spettacolo alla libertà di satira e di espressione e lo intitola “Ripiamose Roma”

Ripiamose Roma. Ancora una parodia, ancora un uso satirico di uno slogan arrogante e cinico preso in prestito dalla serie TV Romanzo Criminale, ripulito e trasformato in un motto di non arrendevolezza davanti a tanta boria, a ribadire che alla satira no, non si rinuncia. Dado ha infatti voluto intitolare proprio così il suo spettacolo già previsto per venerdì 4 settembre nell’ambito della rassegna estiva romana All’Ombra del Colosseo, trasformandolo  in una vera e propria serata evento dopo gli ultimi fatti che hanno visto il comico romano minacciato da gente poco raccomandabile, tanto per usare un eufemismo.

Tutto è cominciato quando Dado, al secolo Gabriele Pallegrini, noto per le sue parodie, pubblica su YouTube e su Facebook il suo ultimo video (che potete vedere a fine articolo) scritto con Emiliano Luccisano e Marco Terenzi e arrangiato da Fabio Parisella, una versione tutta sua della nota Non voglio mica la luna di Fiordaliso dedicata al funerale show di Vittorio Casamonica, capo dell’omonimo clan capitolino, celebratosi come tutti ormai sappiamo, il 20 agosto scorso nella basilica di San Giovanni Bosco negata nel 2006 dal cardinal Ruini a Piergiorgio Welby, con tanto di cocchio con cavalli, musica da Il Padrino e petali di rosa sparsi da un elicottero in volo (vietato).

A qualcuno però, Casamonica e tristi dintorni, lo scherzo non è piaciuto e così giù minacce, offese e insulti, seguiti naturalmente da altrettanti post e messaggi di solidarietà di fan e colleghi nei confronti di Dado che, per tutta risposta, ha deciso che presenterà il pezzo nei suoi prossimi spettacoli, a cominciare proprio da quello di venerdì prossimo all’ombra del Colosseo, una serata “per la libertà di satira e di espressione”, ribattezzata appunto Ripiamose Roma, tutti insieme, alla quale ha invitato altri artisti e pure il sindaco Ignazio Marino “che è citato in quel video e in altri precedenti – dice Dado – venga a dimostrare come si può accettare la satira con eleganza”.

Ecco il video, buon divertimento!